Corona

I giovani hanno bisogno di prospettive future

Le misure di allentamento prese dal Consiglio federale il 19 aprile 2021, hanno ridato ai giovani alcuni dei loro spazi di vita e di crescita. Tuttavia, queste non riescono a rispondere alle preoccupazioni e alle richieste dei giovani in alcuni settori chiave. Quello che maggiormente serve ora, sono delle prospettive per i giovani e delle soluzioni concrete ai loro problemi più urgenti.
Immagine
Jugend braucht Zukunftsperspektiven, Appell unterzeichnen.

Insieme a un’ampia alleanza* di organizzazioni impegnate nell’attuazione dei diritti dei bambini in Svizzera, nella protezione, nella promozione e nella partecipazione dei bambini e dei giovani, ci appelliamo al Consiglio federale, all’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e alle autorità cantonali competenti. Tra le altre cose, c’è bisogno ora di:

Prospettive chiare per il futuro

Il Consiglio federale deve esporre con chiarezza il suo piano per affrontare la pandemia quest’anno e come risponderà ai bisogni di bambini, adolescenti e giovani adulti fino a 25 anni di età.

Inclusione dei giovani nei processi decisionali

I giovani e i rappresentanti di organizzazioni e associazioni che operano nel campo dell’infanzia e della gioventù devono essere consultati regolarmente e sistematicamente e inclusi nei processi decisionali.

Inserimento nella task force coronavirus

La task force scientifica deve essere completata con consulenti scientifici provenienti dagli ambiti della sociologia/scienze sociali focalizzati in particolare sui bambini, i giovani e la famiglia, così come sulla psichiatria infantile e giovanile. 

Nessuna penalizzazione dei giovani

Durante la pandemia del coronavirus, i bambini e i giovani si sono mostrati solidali. Anche i loro bisogni, che sono centrali per uno sviluppo sano, dovrebbero ora ricevere un’attenzione solidale. I giovani non devono essere penalizzati in relazione al certificato Covid-19 o a qualsiasi privilegio per le persone vaccinate. 

Sostegno per crisi e problemi psicologici

La pandemia da Covid grava pesantemente sui bambini e gli adolescenti. Il settore pubblico deve ampliare rapidamente i servizi psicosociali e psichiatrici per bambini e adolescenti e garantirne l’operatività a medio termine. I centri specializzati di accoglienza, di consulenza, e di attività socioculturali giovanili devono essere a lungo termine maggiormente sostenuti finanziariamente.

Sostegno per il passaggio al mondo del lavoro

La pandemia rende difficile per i giovani la scelta della professione e il passaggio al mondo del lavoro. Le strutture che sostengono i giovani in transizione dalla scuola alla formazione professionale o alle scuole secondarie, oppure senza una soluzione professionale, devono essere rapidamente rafforzate e le loro disponibilità di posti ampliate.

Maggiori opportunità fino ai 25 anni

Analogamente ai giovani nati dopo il 2001, devono essere prese in considerazione maggiori opportunità e facilitazioni per il loro tempo libero anche per i giovani fino ai 25 anni. Anche nel settore amatoriale, per i giovani fino ai 25 anni devono essere nuovamente resi possibili gli eventi con pubblico.

Rafforzare le strutture di supporto

La pandemia ha dimostrato che le iniziative extrascolastiche a bassa soglia per bambini e giovani e le attività per bambini, adolescenti e giovani adulti proposte dai professionisti del settore, ma anche da volontari, sono importanti. Le strutture e le associazioni esistenti nei Comuni devono essere mantenute, promosse e ampliate.

Firmate l’appello ora!

Bisogna agire ora per attenuare le tensioni sociali, la sofferenza individuale e gli ulteriori danni connessi alla «nuova normalità» post pandemica. Dopo tutto, sono in gioco i bambini e i giovani, e con loro il futuro della nostra società. Quello che serve ora, sono delle prospettive per i giovani e delle soluzioni concrete ai loro problemi più urgenti.

Firmate ora il nostro appello. 

Ambasciatores e ambasciatrices

Potete scaricare l’appello completo qui

Firmate l’appello ora!

Sono già state raccolte 5137 delle 10'000 firme.

Appellativo
Sì, desidero essere informato sull’appello e iscrivermi alla newsletter «Politica» di Pro Juventute. L’annullamento dell’iscrizione è possibile in qualsiasi momento.
 
Protezione dei dati
Utilizziamo i dati esclusivamente per uso privato e per l’aggiornamento della nostra banca dati degli indirizzi. I suoi dati saranno trattati con la massima riservatezza e non saranno né venduti, né trasmessi a terzi. Lei può disdire l’abbonamento alla nostra Newsletter in qualsiasi momento.
 

*La coalizione

L'appello è stato lanciato dall'Associazione mantello svizzera per l’animazione socioculturale dell’infanzia e della gioventù (DOJ), dalla Fondazione Pro Juventute Svizzera, dalla Federazione svizzera delle associazioni giovanili (FSAG), dall'UNICEF Svizzera e Liechtenstein e da IG Sport Schweiz. Ne fanno parte anche numerose altre organizzazioni che operano nel settore dell’infanzia e della gioventù, come Pro Familia Svizzera, Save the Children, Avenir Social, FASe, Idée Sport, Rete svizzera diritti del bambino, Infoklick.ch, Intermundo, Fanarbeite Svizzera, Protezione dell’infanzia Svizzera, Movimento Scout Svizzero, Campus Democrazia, CEVI Schweiz, Jungwacht Blauring, Alliance Enfance, Federazione Svizzera dei Parlamenti dei Giovani FSPG, Federazione svizzera per i clubs e festivals di musica PETZI e altri. La coalizione è in costante crescita ed è sostenuta da rappresentanti della politica e dell'amministrazione attraverso le loro dichiarazioni.