Corona

Coronavirus: appello al mondo politico & petizione online «Lasciare aperte le scuole dell’obbligo»

In un appello pubblico del mese di novembre 2020, Pro Juventute ha invitato il Consiglio federale e tutti i Governi cantonali a fare il possibile per evitare una nuova chiusura delle scuole dell’obbligo e delle strutture di assistenza all’infanzia. La chiusura di queste strutture non dovrebbe essere considerata nuovamente fino a quando non saranno state esaurite tutte le altre opzioni per contenere la pandemia di coronavirus. Più di 10 000 persone hanno firmato l’appello in pochi giorni.
Immagine
Ragazzo con zaino che aspetta davanti a una scuola.

Poiché a gennaio la chiusura delle scuole è tornata di attualità, Pro Juventute si è rivolta nuovamente con una lettera a tutti i direttori scolastici e a tutte le direttrici scolastiche cantonali sottolineando, tra gli altri, i più recenti risultati dello studio zurighese «Ciao Corona». Questo studio ha dimostrato che gli alunni trasmettono il Coronavirus solo raramente e che in pochissimi casi si è arrivati a una concentrazione di contagi. Inoltre, nella sua lettera, Pro Juventute ha richiesto che vengano intraprese misure per attenuare le conseguenze negative nel caso estremo in cui si dovesse decidere di chiudere le scuole.

Ecco perché è importante che le scuole dell’obbligo e le strutture di custodia dei bambini rimangano aperte:

Le chiusure delle scuole portano a lacune educative e peggiorano le pari opportunità

A causa della chiusura delle scuole in primavera, il progresso di apprendimento degli/delle allievi/e della scuola elementare è stato dimezzato e le differenze nel ritmo di apprendimento tra i bambini sono aumentate in modo significativo. Lo dimostra uno studio pubblicato di recente. Solo un numero molto ridotto di allievi e allieve beneficia dell’apprendimento a distanza. Tutte le strutture di custodia dei bambini e le scuole dell’obbligo dovrebbero quindi essere tenute aperte il più a lungo possibile per evitare che le lacune nell’istruzione si amplino e per garantire che la parità di opportunità non si deteriori ulteriormente.

Inoltre a causa della chiusura delle scuole i bambini soffrono più spesso di violenza domestica

Diverse organizzazioni hanno notato un aumento della violenza domestica dopo la chiusura in primavera. I bambini ne soffrono sempre, direttamente o indirettamente. Se le scuole dell’obbligo e le strutture di custodia dei bambini vengono chiuse, un importante sistema di sicurezza e di allarme precoce non sarà più in funzione perché gli insegnanti, gli assistenti all’infanzia e gli assistenti sociali scolastici non vedranno più regolarmente i bambini e i giovani sul posto.

La scuola è un sistema di allarme precoce e un luogo importante per lo scambio sociale

Le richieste dei bambini al 147.ch riguardanti i «conflitti nelle famiglie» e sulla «violenza in casa» sono aumentate di oltre il 40%. È aumentata anche la paura della solitudine e della perdita di amici. Le scuole e le strutture di custodia dei bambini non sono solo un luogo importante per lo scambio sociale. Sono anche una rete di sicurezza e un sistema di allarme precoce. Spesso, i problemi e le preoccupazioni si notano prima di tutto a scuola o nelle strutture di custodia dei bambini.