Famiglia e società

Perché serve il congedo di paternità?

Molte coppie vorrebbero dividersi il compito educativo ed affrontare insieme l'educazione dei loro bambini. Dopo la nascita di un figlio, alle neomamme spetta un congedo di maternità regolato dalla legge. Non esiste però alcun regolamento di questo tipo per i papà. La situazione potrebbe ora cambiare con il voto del 27 settembre.
Immagine
Argomenti di Pro Juventute a favore del congedo di paternità.

Iscrivetevi qui e lasciate che Pro Juventute vi ricordi, prima di votare domenica, di votare sì al congedo di paternità di due settimane.

Negli ultimi anni si sono portati a termine diversi obiettivi in termini di conciliazione tra lavoro e vita familiare. Molte madri continuano ad esercitare la loro professione dopo un periodo di maternità e sempre più coppie adottano un approccio collaborativo nella gestione dell'educazione dei propri figli. I papà di oggi sono più presenti per loro i bambini rispetto ai loro genitori. L'emancipazione delle donne ha fatto sì che queste cerchino di conciliare i progetti professionali con il loro ruolo genitoriale. Un compito non facile e che spesso equivale ad una vera e propria acrobazia. Anche gli uomini manifestano il desiderio di costruire una relazione con il proprio figlio fin da subito. La loro parte non dovrebbe limitarsi al portare i bimbi a letto e alla storia della buonanotte. Sempre più spesso i neopapà vogliono essere a casa durante il giorno e condividere vita familiare di tutti i giorni.

Il Paese ha bisogno di nuovi padri

Ma perché quando si tratta di conciliare lavoro e vita familiare sono così spesso le madri a ritrovarsi al centro dell'attenzione? Non dovrebbe essere rivista anche la situazione dei padri? In ogni caso, i sondaggi mostrano chiaramente che oggi un'ampia maggioranza dei padri vuole assumere un ruolo attivo nella famiglia e quindi desidera ridurre il numero di ore passate in ufficio. Lo conferma anche lo studio «Was Männer wollen!» condotto da Pro Familia nel 2011. Tuttavia, secondo l'articolo 329 paragrafo 3 del Codice delle obbligazioni, agli uomini spetta un solo giorno di congedo di paternità. Tanti giorni quanti se ne prevedono in caso di trasloco.

Servono condizioni quadro migliori

Il desiderio di molti neopapà di costruire un rapporto con loro figli fin dai loro primi giorni di vita e di sostenere la partner, spinge molti uomini a chiedere ferie dopo la nascita del bambino o a chiedere un periodo di congedo non retribuito. Un privilegio che non tutte le famiglie possono permettersi. La politica è quindi chiamata a creare finalmente le condizioni quadro adeguate affinché la Svizzera possa recuperare il notevole ritardo rispetto agli altri Paesi europei. In altri Paesi è stato istituito da tempo un congedo parentale adeguato, che madre e padre si dividono.

Votazione per un congedo di paternità di 10 giorni

Il 27 settembre gli aventi diritto di voto in Svizzera si esprimeranno sul congedo di paternità di due settimane. Gli ultimi mesi della crisi del coronavirus hanno dimostrato quanto il lavoro di assistenza sia importante per le famiglie e che i padri svolgono un ruolo centrale in questo ambito. Il congedo di paternità è quindi più importante che mai. 

Pro Juventute è impegnata nel comitato di votazione dell’associazione «Il congedo paternità subito!» e sostiene la richiesta di un congedo di paternità di due settimane poiché contribuisce a far sì che tutti i bambini in Svizzera abbiano un buon inizio dopo la nascita.

Ora gli aventi diritto di voto sono chiamati a votare sì il 27 settembre. E anche se, a oggi, le previsioni sul risultato non sembrano essere troppo negative è indispensabile che tutti consegnino effettivamente la scheda con il proprio voto. Affinché nessuno se ne dimentichi, Pro Juventute offre un servizio di promemoria per la votazione. Registratevi nel modulo sottostante e vi invieremo un piccolo promemoria prima della domenica di voto.

Per ulteriori informazioni visitate il sito www.congedo-paternita.ch

Congedo di paternità – servizio di promemoria

Titolo
Pro Juventute tratta i vostri dati con la massima attenzione. Gestiamo personalmente il vostro indirizzo. Non affittiamo e non vendiamo indirizzi e non cediamo i vostri dati a terzi. Utilizziamo i vostri dati personali solo per fini propri, per potervi inviare la documentazione e offerte attuali.