Famiglia e società

Esempi di Consulenza per genitori

Gli esperti della Consulenza per genitori di Pro Juventute sono a disposizione giorno e notte. Rispondono a domande e aiutano ad affrontare i problemi. Alcuni esempi illustrano come potrebbe svolgersi una comune giornata di consulenza.
Immagine
Madre preoccupata con figlio. Contattate la Consulenza per genitori di Pro Juventute in ogni caso.

Il lavoro di consulenza richiede competenza e flessibilità poiché il team di consulenza non sa mai che tipo di domande verranno poste e dove dovrà intervenire per fornire supporto. La Consulenza per genitori si occupa di questioni molto diverse, come dimostra uno sguardo nella vita quotidiana della consulenza:

Bambino che piange, madre disperata

Sono le cinque del mattino e una giovane madre disperata chiama perché il suo neonato non riesce ancora a trovare il ritmo del sonno. La madre non riesce a sopportare il pianto continuo del bambino e la sua privazione di sonno. Non sa come far addormentare il suo bambino. La consulente ascolta con comprensione. Così, prima si calma la madre e poi il bambino. 

Incoraggiare coloro che chiamano

La consulenza non mira a elargire consigli. Si tratta piuttosto di incoraggiare coloro che chiamano e di accompagnarli nella loro ricerca di una possibile soluzione. Con questa chiamata si conclude l’intenso turno di notte e prende avvio quello del mattino. Dopo un breve scambio, la collega si registra alla postazione di lavoro. 

Rispondere alle domande via e-mail

Per il momento la situazione pare tranquilla, così la consulente ne approfitta per rispondere alle richieste inviate per e-mailf. Un padre scrive di aver trovato della droga nella stanza del figlio sedicenne. Non sa se faccia uso di droghe oppure le spacci. Nell’e-mail di risposta la consulente incoraggia il padre a cercare il contatto con il figlio e, anche se è difficile, a essere tenace e a non mollare. Informarsi in merito alle droghe aiuta anche a contrastare la propria insicurezza.

Punto di contatto neutro

Anche se fa bene parlare di paure e preoccupazioni all’interno della famiglia o della cerchia di amici, a volte è più facile rivolgersi a un interlocutore neutrale. Naturalmente, tutte le richieste vengono trattate in modo confidenziale presso la Consulenza per genitori. Un gruppo di psicologi, educatori sociali e assistenti sociali è in servizio a turno e, in caso di malattia o di assenza per ferie, è comunque garantita l’operatività 24 ore su 24. 

Cercare soluzioni congiuntamente

Poiché il senso di impotenza è spesso maggiore di notte, la Consulenza per genitori di Pro Juventute offre un servizio di assistenza a 360 gradi. I genitori e le persone di riferimento possono quindi condividere le loro preoccupazioni giorno e notte. Anche se il problema non si risolve con una chiamata, lo scambio aiuta. Pensare ad alta voce e sviluppare una strategia con uno specialista su come affrontare il problema di solito aiuta ad allentare una situazione. 

Esperienza ad ampio raggio

Il team della Consulenza per genitori non solo dispone di un know-how specialistico, ma anche di un ampio registro di indirizzi. La raccomandazione di uffici specializzati è un aspetto importante del lavoro di consulenza. L’obiettivo di questa offerta a bassa soglia è quello di rafforzare e incoraggiare coloro che chiamano e indicare dove è possibile ottenere ulteriore aiuto.

Perdere le staffe

Torniamo al turno del mattino: spesso la risposta alle richieste via e-mail viene interrotta da telefonate. Una madre disperata chiama perché, come dice lei, la sua mano è di nuovo «scivolata» sulla figlia dodicenne. Si percepisce che la madre soffre e desidera tenere sotto controllo il suo problema. Durante il colloquio la consulente cerca di capire se la distanza fisica può allentare la situazione a breve termine e quale ulteriore aiuto per la madre sia possibile a lungo termine. 

Mancanza di considerazione

Verso mezzogiorno un’altra madre chiama lamentandosi che suo figlio di 21 anni ha un ritmo giornaliero completamente diverso dal proprio e non tiene conto del suo stato d’animo. Pretende che gli sia fatto il bucato e impreca se il frigorifero è vuoto. Inoltre, alza anche la voce se lei desidera ritirarsi. La sofferenza della madre sembra essere grande e la consulente cerca di scoprire come può aiutarla a trovare la forza in sé.

Consapevolezza e cambiamento di prospettiva

Lo scambio spesso porta a una prospettiva diversa e alla consapevolezza che come genitori si può pretendere qualcosa e non ci si deve sentire responsabili di tutto. Un colloquio con la Consulenza per genitori può aiutare a prendere le distanze.

Consigli per i genitori

  • I problemi non svaniscono nel nulla con una semplice telefonata. Lo scambio con gli esperti aiuta a capire quale strada si possa intraprendere. 
  • Nell’educazione quotidiana ci sono sempre situazioni che disorientano o sopraffanno. Vale la pena chiedere aiuto tempestivamente perché non è necessario affrontare tutte le difficoltà da soli. 
  • Un punto di vista esterno aiuta a prendere le distanze. Nello scambio con uno specialista sarete incoraggiati a riflettere sul vostro comportamento e a concentrarvi sulle situazioni che stanno andando bene. Spesso dona sollievo già solo il pensiero di avere la possibilità di contattare un interlocutore neutrale. 
  • Un compito centrale del team di consulenza è quello di indirizzarvi verso uffici specializzati e punti di contatto, ove necessario. Nel contatto con la Consulenza per genitori beneficiate di una vasta gamma di conoscenze specialistiche e di un’ampia rete di contatti.

Consulenza per genitori di Pro Juventute 

Presso la Consulenza per genitori di Pro Juventute i genitori e le persone di riferimento di bambini e giovani possono porre domande sulla vita familiare quotidiana e sull’educazione in qualsiasi momento chiamando il numero 058 261 61 61, scrivendo un’e-mail oppure online. La consulenza è gratuita fatte salve le normali spese telefoniche. 

Una prima versione di questo testo è stata pubblicata sulla rivista per genitori Fritz+Fränzi.