Famiglia & società

Quando il coronavirus mina la fiducia di base

La crisi dovuta al coronavirus dimostra quanto siamo impotenti in certe situazioni. Il futuro è più incerto che mai e le opinioni contraddittorie causano incertezza. Barbara Wüthrich della Consulenza per genitori di Pro Juventute racconta come lei e il suo team sostengono e accompagnano i genitori.
Immagine
Grossmutter und Enkel schützen sich mit einer Maske vor dem Coronavirus.

Le madri e i padri si chiedono: a cosa dobbiamo credere quando anche gli esperti non sono d’accordo? Come possono i bambini orientarsi quando tutto è così incerto? Come vengono affrontate queste domande fondamentali dalla Consulenza per i genitori?

Barbara Wüthrich: Per noi è importante cercare soluzioni insieme ai genitori. Nei colloqui si scopre ciò che sembra opprimente, fastidioso, strano o contraddittorio. Per quanto riguarda la situazione riguardo al coronavirus, incoraggiamo i genitori a mostrare a volte ai propri figli anche la propria insicurezza e che questa onestà è accettabile. Naturalmente i bambini hanno ancora bisogno di una guida di riferimento. Una volta che conoscono l’opinione dei genitori, sono più propensi a capire perché certe misure sono attualmente necessarie in famiglia e nelle scuole.

Come devono orientarsi i genitori quando devono stabilire delle regole per la famiglia e adattare le indicazioni della scuola alla vita familiare quotidiana?

Barbara Wüthrich: Incoraggiamo i genitori a concentrarsi su ciò che sanno e sulle cose che sono fattibili. La nostra raccomandazione è di studiare le informazioni provenienti da organi ufficiali, come l’UFSP, e di seguire queste regole. Se c’è una certa libertà d’azione, le misure possono essere adattate alle esigenze e ai valori dei bambini e alla loro età. Facendo domande, aiutiamo chi si rivolge a noi a ritrovare la strada per la propria sicurezza. A volte le raccomandazioni della scuola o il comportamento degli insegnanti o di altri bambini non sono comprensibili per i genitori. In questi casi invitiamo a chiedere direttamente e ad esprimere la propria incertezza o il proprio disagio. 

Anche il fatto che i Cantoni gestiscano il ritorno a scuola in modo diverso e che ogni scuola attui un concetto di protezione individuale contribuisce all’incertezza dei genitori. Soprattutto perché le singole misure variano nella loro rigorosità.

Barbara Wüthrich: Sì, al momento c'è molta incertezza e anche gli esperti non sanno ancora molte cose. Sebbene il desiderio di sicurezza corrisponda a un bisogno umano, siamo attualmente sfidati come società ad affrontare l’insicurezza indotta dal coronavirus. Le madri e i padri devono quindi prima scoprire quale strada vogliono intraprendere con la loro famiglia. In questo processo di ricerca, la nostra consulenza può svolgere un ruolo importante. In analogia con la scienza e la politica, i genitori devono costantemente cambiare e adattare le regole e gli accordi a causa delle nuove scoperte. Si tratta sempre di ritrovare la stabilità nonostante lo shock e di dare ai bambini un senso di sicurezza.

In una situazione di incertezza, il Consiglio federale ha dovuto prendere determinate decisioni. Con il senno di poi, cominciano improvvisamente le critiche. Come, ad esempio, che non era necessario chiudere le scuole. Come si spiegano queste incoerenze ai bambini?

Barbara Wüthrich: Anche in questo caso l’obiettivo è quello di far capire al bambino a cosa si mirava con questo provvedimento. I genitori possono spiegare ai loro figli che chiudendo la scuola, si voleva evitare che le persone si ammalassero inutilmente e si è stati quindi molto prudenti. Forse certe regole a scuola non sono sempre del tutto comprensibili, eppure devono essere rispettate. Ad esempio, che i gruppi non possono mescolarsi nell’edificio scolastico, ma questo regolamento non viene applicato durante la pausa. Sapendo che ci sono contraddizioni e che certe cose vengono giudicate in modo diverso a posteriori, incoraggiamo i genitori a chiedere uno scambio di idee e a praticare la tolleranza. Per ogni membro della famiglia vale che: ognuno deve imparare a sopportare la propria insicurezza. È utile riflettere su ciò che è bene per voi e vi dà sicurezza.

L’incertezza si è diffusa anche su come comportarsi con i nonni. Come devono comportarsi i genitori?

Barbara Wüthrich: Se si mostra ai bambini in modo comprensibile il motivo per cui si è deciso di fare una cosa, sono perfettamente in grado di comprenderla. Durante il colloquio si parla di quanto sia importante assumersi la responsabilità personale, prendere decisioni e metterle in pratica. Nella consapevolezza che si saprà solo in seguito se si è valutata correttamente la situazione. Per esempio, ogni famiglia dovrebbe decidere da sé se vuole rincontrare i nonni o rimandare ancora un po’ il riunirsi nuovamente. Anche se non c’è garanzia che si stia facendo la cosa giusta, è importante, anche in tempi incerti, andare per la propria strada con una certa serenità e fiducia.