Scuola e istruzione

Così il coronavirus influenza la ricerca di un apprendistato

Informazioni su come trovare un apprendistato in tempi di coronavirus e consigli su come sostenere i figli in questo intento. Vale la pena continuare a cercare. Testimonianze di alcuni giovani che raccontano come hanno trovato con successo un apprendistato.
Immagine
Una ragazza cerca un apprendistato online insieme al padre.

Il coronavirus ha cambiato la nostra vita quotidiana in un colpo solo. Siamo tutti colpiti e costretti ad adattarci il più possibile alla situazione attuale. Particolarmente difficile è la situazione per i giovani che attualmente sono alla ricerca di un apprendistato. Quella che di per sé è già una grande sfida è diventata molto più impegnativa a causa della situazione eccezionale.

Prospettive per i giovani nonostante le difficili condizioni

In Svizzera ci sono ancora molti giovani alla ricerca di un posto di tirocinio. Particolarmente difficile è per le professioni manuali. Il contatto tra il datore di lavoro e i candidati è necessario per valutare la loro capacità di lavorare in gruppo e le loro competenze pratiche. Questa possibilità al momento viene offerta raramente o solo in condizioni difficili. Tuttavia, i giovani non devono in nessun caso scoraggiarsi. Allo stesso tempo si stanno aprendo nuove possibilità di contatto, come i colloqui tramite videochiamata. È importante che i giovani non si sentano lasciati soli, ma che al contrario sentano il sostegno e la fiducia dei genitori. Ne hanno bisogno più che mai.

Candidarsi nonostante la situazione attuale

Anche le aziende soffrono della situazione attuale e sono state costrette per parecchie settimane a tenere le loro «porte» in gran parte chiuse. Grazie all’allentamento entrato in vigore il 27 aprile (11 maggio in Ticino), molti negozi hanno potuto riaprire – ciò tuttavia nell’assoluto rispetto di severe misure di sicurezza. Benché la situazione per le aziende continui a non essere facile, ci sono molte aziende che sono alla ricerca di apprendisti idonei e che, in parte, stanno anche avviando nuove procedure di assunzione. È fondamentale che i giovani rimangano attivi, non si scoraggino, continuino a informarsi, si adattino alla nuova situazione e rimangano nel processo di candidatura. 

Alternative agli stage orientativi

Gli stage orientativi offrono una visione realistica del mondo professionale. A causa della situazione eccezionale, solo poche aziende offrono ancora giornate di stage e non tutte le professioni sono rappresentate. È quindi necessario un programma alternativo. Consigli utili e creativi, come ad esempio effettuare test attitudinali, guardare video su varie professioni o stilare liste di domande mirate, aiutano comunque i giovani a conoscere le professioni. Maggiori informazioni sono disponibili qui.

La candidatura come biglietto da visita

Il processo di candidatura digitale mette giovani e genitori di fronte a nuove sfide tecniche. Per orientarsi nel mondo digitale sono necessarie ulteriori competenze. Il lavoro di ricerca, la preparazione completa a un colloquio online o un test di prova fanno parte, tra le altre cose, di un processo di candidatura online. Qui i genitori scoprono come preparare al meglio i loro figli ai colloqui di presentazione online.

Opzioni di supporto 

Gli uffici di orientamento professionale cantonali offrono risposte alle domande e ai dubbi sul processo di candidatura, sullo stage orientativo e anche su altri argomenti. Le consulenze sono possibili online, per telefono e via e-mail. Ulteriori informazioni sono disponibili ad esempio su orientamento.ch.

Soluzioni alternative

Per i giovani che non possono iniziare un apprendistato a settembre, soluzioni transitorie come un periodo di pratica, un decimo anno scolastico o un soggiorno all’estero sono un’alternativa possibile. Questo dà loro più tempo e l’opportunità di rivedere la loro scelta professionale. Qui troverete ulteriori informazioni su possibili soluzioni transitorie. 

La SRF ha pubblicato un video su questo argomento (in tedesco).

Qui troverete anche domande e risposte sul tema della ricerca di un apprendistato e del coronavirus.

Quattro storie di successo

Come fonte d’ispirazione e d’incoraggiamento, quattro giovani descrivono qui come sono riusciti a trovare un apprendistato. 

Alessia, 17 anni – Apprendistato come operatrice sociosanitaria AFC

«Sono al secondo anno di apprendistato come operatrice sociosanitaria AFC. Poiché sapevo esattamente cosa volevo, ho cercato di mia iniziativa posti di apprendistato liberi sui siti web di ospedali, cliniche e case di riposo della mia zona. Normalmente lì si trovano tutte le informazioni necessarie. Se si hanno ancora delle domande, consiglio a tutti di telefonare. Penso che sia meglio che scrivere una e-mail. La persona dall’altra parte del telefono nota la mia iniziativa e ne ricava una prima impressione.»

Omar, 16 anni – Apprendistato come elettricista AFC

«Il mio sogno era di fare un apprendistato come elettricista AFC. Durante la ricerca di un apprendistato ho chiesto il sostegno dei miei parenti e conoscenti. Ho chiamato o scritto tramite WhatsApp che stavo cercando un apprendistato come elettricista. Dato che so che ci sono molte professioni manuali nelle mie vicinanze, questa mi è sembrata una buona idea. La rete di conoscenze è un grande vantaggio quando si cerca un apprendistato e va assolutamente sfruttata.»

Leonie, 18 anni – Apprendistato come polimeccanico AFC

«La ricerca di un apprendistato non è stata facile per me e ha richiesto molto tempo. Per lungo tempo non sapevo cosa volevo fare. Questo mi ha reso ancora più difficile prepararmi adeguatamente per una o due professioni e cercare un posto di apprendistato adatto. Ho ricevuto molti rifiuti con la motivazione che altri giovani avrebbero fatto ancora meglio. Questo mi ha resa insicura e mi ha scoraggiata. Sono contenta di averne potuto parlare apertamente con i miei genitori e che mi abbiano ascoltata. Ma poiché anche loro non sono esperti in questo campo, mi sono rivolta di nuovo a un ufficio di orientamento professionale, che mi ha aiutato. Ora sono al terzo anno di apprendistato come polimeccanico AFC e mi piace molto!»

Devin, 18 anni – Apprendistato commerciale

«Per vari motivi ho trovato la ricerca di un apprendistato piuttosto difficile ed estenuante. Da un lato, non sapevo esattamente cosa volevo e a un certo punto ho finito il tempo a disposizione. Dall’altro, è stato difficile per me combinare lavoro e sport. Gioco in una squadra di calcio da quando ero piccolo e mi sono sempre allenato molto. Così alla fine ho deciso di frequentare il decimo anno. Questo mi ha aiutato molto, perché così ho potuto concentrarmi di nuovo intensamente sulla scelta della professione. Alla fine ho scelto un apprendistato come impiegato di commercio perché mi permette di combinare lavoro e sport. Ora sono al secondo anno di apprendistato e sono contento di essermi preso un anno di tempo in più per decidere.»

Consigli per i genitori

  • In questo momento difficile vostra figlia o vostro figlio ha bisogno del vostro sostegno. Abbiate pazienza e trasmettete fiducia. La situazione è completamente nuova anche per i vostri figli.
  • Visitate anche voi i siti web di eventuali aziende formatrici e incoraggiate vostra figlia o vostro figlio a telefonare direttamente.
  • Non dimenticate di sfruttare anche i vostri contatti privati.
  • Approfittate dell’offerta degli uffici di orientamento professionale e incoraggiate vostra figlia o vostro figlio ad annunciarsi per telefono, per e-mail oppure online.
  • Prendete in considerazione anche le possibili soluzioni transitorie.
  • Incoraggiate vostra figlia o vostro figlio in quanto molti posti di apprendistato non sono ancora occupati. Inoltre le aziende offrono anche processi di candidatura alternativi. Vale quindi la pena continuare a provare e non arrendersi troppo presto.