Media e Internet

Il potere degli/delle influencer

Nei social media, gli/le influencer mostrano ciò che è di tendenza. Questi messaggi mirano a suscitare bisogni e a incoraggiare l'acquisto. Ci sono per lo più campagne pubblicitarie dietro e si tratta di molti soldi. I bambini e i giovani dovrebbero conoscere tali connessioni e dovrebbero essere incoraggiati a pensare in modo critico.
Immagine
L'influencer sta creando un blog. Per saperne di più sul potere degli/delle influencer.

Su piattaforme come Instagram, TikTok, Snapchat, YouTube o Facebook si possono trovare molti influencer. Essi godono di un alto livello di credibilità fra i bambini e i giovani perché sono molto attuali e mantengono anche i contatti con i loro follower e i loro fan. Le foto o i video, spesso montati accuratamente, vengono visualizzati migliaia di volte. Vengono per lo più mostrati un'immagine positiva e unilaterale di sé e solo i migliori aspetti della vita. Inoltre, i contributi personali sono legati a raccomandazioni per prodotti o servizi. Il fatto che dietro a queste apparizioni ci siano spesso una vera e propria campagna pubblicitaria e grandi flussi di denaro spesso non è del tutto chiaro e molti non ne sono consapevoli. 

Alternanza tra influenza e successo

Non appena gli/le influencer hanno raggiunto un certo livello di riconoscimento, diventano interessanti per l'industria pubblicitaria. La strategia di marketing è semplice e persegue l'obiettivo di far conoscere meglio un marchio o un prodotto. Più persone (follower, abbonati, fan) vengono raggiunte, meglio è. Per gli/le influencer questo significa che diventano mezzi pubblicitari redditizi. Pubblicizzano un prodotto o un servizio per conto delle aziende. Esercitano la loro influenza in modo molto sottile.

Sedurre con la pubblicità subliminale

Chi seguono i bambini e i giovani sui social media dipende dal loro interesse personale, dall'età e dal loro livello di sviluppo. Ma anche da colleghi/e, amici/che o da quello che succede a scuola. L'industria pubblicitaria conosce il comportamento d'uso dei giovani e, con l'aiuto degli/delle influencer, colloca abilmente i messaggi pubblicitari tra i contributi personali. Anche se si tratta di pubblicità mirata, non ne ha l'aspetto.

La pubblicità occulta non è consentita

Presentare i contributi pagati come istantanee naturali è problematico. Questo principio vale anche per i social media: la pubblicità deve essere contrassegnata e dovrebbe essere possibile riconoscere che si tratta di un contributo pubblicitario. Tali riferimenti possono essere trovati, ad esempio, sotto il nome del profilo «sponsorizzato», «partnership pubblicitaria a pagamento con...» o nascosti nel testo contrassegnato con «#pubblicità». Tuttavia, chi non lo cerca in modo specifico lo vede a malapena. 

Promuovere un argomento

La maggior parte degli/delle influencer si limita a un argomento personalmente importante per loro. Bambini e giovani che sono interessati ai videogiochi guardano come Gaming influencer giocano, commentano e spiegano su YouTube o Twitch come migliorare il loro punteggio. Gli/Le influencer dei settori lifestyle e bellezza presentano nuovi prodotti per il trucco o la cura del corpo, mostrano un profumo appena lanciato sul mercato o quali capi di abbigliamento sono disponibili nello shop online. 

Credibilità come strumento di vendita

Poiché molte foto o video sembrano essere stati realizzati in un ambiente privato, gli/le influencer sono di solito percepiti come affidabili. La pubblicità sui loro profili funziona quindi solo se i prodotti pubblicizzati si adattano alla loro immagine complessiva e sono commercializzati con convinzione: all'interno di molti contributi vengono intercalate interruzioni commerciali.

Non tutto è giusto

Per gli/le influencer è importante un lungo raggio d'azione. Non sempre si ricorre a mezzi equi per raggiungere questo obiettivo. Si possono acquistare anche i «Mi piace» e i «follower». È quindi importante che i bambini e i giovani sappiano cosa succede dietro le quinte e siano consapevoli del fatto che a volte viene presentata una falsa realtà o che certe cose vengono deliberatamente tralasciate. Non è tutto oro quel che luccica.

Consigli per i genitori

  • Siate interessati a conoscere quali influencer segue vostra/o figlia/o. Guardate insieme i contributi e parlate con i vostri figli della pubblicità e dell'autopromozione. 
  • Discutete tra di voi su come le persone e soprattutto gli/le influencer si presentano su Instagram, TikTok, YouTube, Twitch, ecc. Chiedete a vostra figlia e a vostro figlio se questa è la vita reale.
  • Cercate di scoprire insieme se un prodotto presentato è davvero così fantastico e se ne avete davvero bisogno. Controllate insieme per vedere se è contrassegnato da qualche parte che si tratta di un annuncio pubblicitario.
  • È emozionante guardare oltre la facciata. Unitevi a noi nella ricerca di contributi adeguati che documentino la vita reale e il duro lavoro degli/delle influencer.

L'articolo è stato scritto in collaborazione con Joanna Herzig dell'Ufficio per la prevenzione del debito della città di Zurigo e con il Dr. Martin Hermida del Phsz.