Media & Internet

I cellulari ricevono più attenzione dei bambini?

I genitori trascurano i loro figli perché sono troppo occupati con il loro smartphone? Lo scambio virtuale è più importante per gli adulti che occuparsi realmente del mondo dei bambini? Pensieri su come utilizzare uno strumento che è diventato una parte indispensabile della nostra vita quotidiana.
Immagine
Padre che lavora con il bambino sulle ginocchia.

In passato, i bambini venivano messi davanti alla televisione per tenerli tranquilli e occupati. Per questo motivo il televisore è stato spesso definito «nonna elettronica». Oggi, anche gli adulti guardano quasi costantemente sullo schermo e sono occupati con se stessi. Lo smartphone è sempre a portata di mano. Nel frattempo, si è arrivati al punto che i bambini si infastidiscono per questo comportamento e sono irritati dal fatto che i loro genitori siano permanentemente online. Cosa sta andando storto? Le mamme e i papà che passeggiano con la carrozzina o che vanno al parco giochi con i loro bambini sono un’immagine comune. È comprensibile e non è una novità che i genitori non siano sempre presenti e che a volte alleggeriscano il tempo di controllo dei figli con una lettura. Il fatto però che si usi il tempo di una passeggiata per uno scambio telefonico, per inviare messaggi o che venga alleggerita giocando ai videogiochi, è un fenomeno nuovo. 

Gli adulti come figure di riferimento

Nella gestione dei media, gli esperti parlano spesso dell'incidenza che hanno le figure di riferimento. Ma come possono i bambini imparare a usare in modo moderato i media digitali se i genitori si dedicano più spesso al cellulare che ad ascoltare la figlia o il figlio? Soprattutto quando si ha a che fare con gli adolescenti, gli adulti devono essere consapevoli che è difficile pretendere qualcosa che loro stessi non fanno. Provoca resistenza se, per esempio, si limita il tempo dei media dei giovani, ma non si stabiliscono regole per se stessi. Le conquiste tecniche hanno sempre destato preoccupazione tra gli scettici. La gente aveva paura delle conseguenze negative anche della televisione. E che dire ora del timore che i cellulari ci assorbano troppo. Gli scienziati sottolineano spesso che i bambini soffrono quando devono condividere l'attenzione degli adulti con un apparecchio. È anche dimostrato che i genitori sono meno sensibili alle esigenze dei loro figli quando sono distratti dallo smartphone.

Il dominio della tecnologia 

Senza rifiutare la tecnologia, vale la pena fare attenzione a non esserne dominati. Perché i bambini hanno delle antenne sensibili e possono percepire se gli adulti li prendono in considerazione e danno loro ascolto. E con un po' di autodisciplina, i genitori possono approfittare dei benefici dei media digitali, godendo al tempo stesso lo stare con i propri figli senza distrazioni. Perché non iniziare un tentativo di pianificare consapevolmente tempi dedicati alla famiglia senza l'uso dei media? Quando c'è più spazio per la conversazione, i pasti con la famiglia, le attività comuni e i momenti di scambio e di racconto con i bambini, acquistano una nuova qualità. 

Consigli per i genitori

  • Assicuratevi di esigere dai vostri figli solo ciò che richiedete anche a voi stessi per ciò che riguarda l’uso dei media. 
  • Dite a vostro figlio cosa state facendo con l’apparecchio. Ad esempio, che dovete scrivere velocemente un messaggio o chiamare qualcuno, ma che dopo avrete il tempo di ascoltare. 
  • Programmate orari liberi dai media per la vostra famiglia. Non lasciate che lo smartphone vi distragga durante i pasti e le attività con i vostri bambini. 
  • Incoraggiate discussioni su vari argomenti. Ascoltate attentamente i vostri figli o dite quando avete tempo per le preoccupazioni di vostra figlia o di vostro figlio. 
  • Sperimentate ed esplorate i media insieme ai vostri figli. 
  • Spiegate a vostro figlio perché e come certe misure sono importanti e necessarie quando si ha a che fare con i media. Segnalatene i possibili pericoli e mostrate cosa potrebbe accadere.