Media & Internet

Odio in rete - cosa possono fare le persone colpite

L’incitamento all’odio è diffuso su Internet e sui social media. Questo include, per esempio, commenti razzisti e sessisti. Cosa potete fare se vi imbattete nell’incitamento all’odio su Facebook o Instagram? E come si possono preparare i bambini e i giovani all'odio in rete?
Immagine
Un giovane si difende dall’incitamento all’odio.

Se le persone vengono insultate a causa del colore della loro pelle, della loro origine, religione, orientamento sessuale o disabilità, questo si chiama incitamento all’odio. L’incitamento all’odio è particolarmente diffuso su Internet e sui social media, perché lì è possibile diffondere l'odio in modo anonimo, il che abbassa la soglia di inibizione. A differenza del cyberbullismo, le vittime di incitamento all’odio rappresentano un intero gruppo di persone che sono già state discriminate. 

Poiché l’incitamento all’odio è diffuso sistematicamente, sembra che la maggioranza sia a favore dell'odio. In realtà, però, molti post di odio possono essere ricondotti a poche persone.

L’incitamento all’odio può essere mascherato da uno scherzo o da un meme, contenere minacce o persino incitare alla violenza. L'odio può essere diretto contro una singola persona ma anche contro un certo gruppo di persone. È importante sapere che: l’incitamento all’odio sotto forma di discriminazione, razzismo, diffamazione, insulti o minacce è punibile penalmente, vale a dire che si può intraprendere un'azione legale.

Cosa fare in caso di incitamento all’odio?

  1. Documentare: L’incitamento all’odio su Internet dovrebbe essere documentato, preferibilmente con uno screenshot che documenti non solo l'attacco ma anche le circostanze: quale sito/piattaforma, data, ora, ecc.?
  2. Segnalare: Segnalare assolutamente l’incitamento all’odio agli operatori della piattaforma, sia quando si osserva odio su Internet o si è vittima di incitamento all’odio. Gli operatori possono cancellare i post e bloccare l'account da cui viene diffuso l'odio. Inoltre, possiamo bloccare noi stessi il trasgressore o impostare il nostro profilo su «privato». 
  3. Ottenere aiuto: Se il proprio figlio o la propria figlia diventa il bersaglio di incitamento all’odio, i genitori dovrebbero cercare un supporto professionale, per esempio presso la Consulenza per genitori di Pro Juventute.

L'odio su Internet colpisce i bambini e i giovani

I bambini e i giovani incontrano particolarmente spesso l'odio su Internet. Sovente si imbattono in nuovi siti web, app o social network prima degli adulti. Questi sono di solito ancora poco regolamentati, il che significa che è ancora più facile trovare incitamento all’odio lì che sulle piattaforme consolidate.

Quando si incontra l’incitamento all’odio, questo può scatenare varie emozioni nei bambini e nei giovani colpiti, che magari si arrabbiano o sono tristi. Possono anche sentirsi impotenti di fronte alla violenza o sviluppare sensi di colpa e vergogna.

L’incitamento all’odio proviene da una forte minoranza

L’incitamento all’odio è diffuso da individui o gruppi. Scrivono commenti offensivi, post discriminatori o pubblicano video stigmatizzanti. Ci sono anche interi siti o blog di odio. 

«Poiché l’incitamento all’odio è diffuso sistematicamente su Internet, sembra che la maggioranza sia a favore dell'odio. In realtà, però, molti post di odio possono essere ricondotti a poche persone o gruppi», afferma Sherin Attoun, esperta di competenza mediatica di Pro Juventute.

Consigli per i genitori

  • Affrontate preventivamente l'argomento dell’incitamento all’odio. Informate i vostri figli su cosa possono fare se incontrano l'odio in rete o sono vittima di incitamento all’odio.
  • Incoraggiate vostro figlio o vostra figlia a cercare sostegno: da voi, da amici, da altri confidenti o da Consulenza 147.ch
  • Incoraggiate vostro figlio o vostra figlia a non accedere ai media digitali e a fare qualcosa di buono per se stesso/a nel mondo analogico.
  • In questo modo aiuterete i vostri figli a rafforzare la fiducia in loro stessi. Fate loro capire che vanno bene così come sono, con tutte le loro preferenze e peculiarità.

Per più rispetto e meno odio su Internet

Questo articolo è stato reso possibile grazie al supporto di Henkel Beauty Care. Che si tratti di incitamento all’odio o di cyberbullismo, Henkel Beauty Care è convinta che la bellezza interiore ed esteriore si esprima in modo diverso in ogni persona e che non ci siano giustificazioni per la discriminazione o l'odio. Con l’iniziativa «Respect Everybody's Beauty», l’azienda fa campagna attiva contro il cyberbullismo e dona il 2% dei profitti di marchi come Schwarzkopf, Taft o Syoss a Pro Juventute. 

Donare