Media & Internet

Squid Game – Quando i bambini guardano spettacoli di violenza

Il numero di spettatori della brutale serie di Netflix «Squid Game» sta battendo tutti i record. Dopo solo quattro settimane, la serie è stata vista da 111 milioni di persone. Si sono verificati incidenti nelle scuole di diversi Paesi perché le scene sono state imitate. La serie non è destinata ai bambini. Perché questo spettacolo è così affascinante e come dovrebbero reagire i genitori?
Immagine
Ragazza che guarda la serie Squid Game.

Sia in Svizzera che nei Paesi vicini, la serie coreana Squid Game ha fatto notizia a causa di incidenti nelle scuole. Gli allievi imitano i giochi da bambini che vengono eseguiti in modo competitivo dagli adulti nella serie. Nella serie, i perdenti vengono giustiziati dai supervisori della partita e a scuola a volte picchiati a ricreazione. 

Non è una serie per bambini

È preoccupante che la serie, la cui visione è approvata solo dai 16 anni in poi, sia già guardata da bambini e adolescenti più giovani. Se i bambini hanno accesso a Netflix, dovrebbe essere impostato un account per proteggerli da film dal contenuto non appropriato, e in modo che possano seguire solo quelli della categoria di età adeguata. Anche i bambini che non seguono la serie direttamente su Netflix possono averne visto degli estratti. Su YouTube o nei social media, i post sotto #squidgame sono di tendenza. Elementi della serie vengono registrati e postati da influencer su TikTok.

Di cosa parla Squid Game

Nella serie sudcoreana, le persone in debito vengono reclutate per un gioco. Viene loro promesso che saranno liberi dai loro debiti se vincono il premio in denaro. Perché questo avvenga devono partecipare a dei giochi da bambini apparentemente innocui. Ma già nel primo gioco diventa chiaro: non si tratta di un gioco divertente, poiché i perdenti vengono giustiziati senza esitazione. Dopo ogni round riuscito, i giocatori hanno la possibilità di interrompere il gioco. Tuttavia, la loro situazione disperata nella vita porta molti a rimanere in questo gioco sadico. 

Le immagini violente, come quelle che si vedono nella serie Squid Game, sono spesso difficili da sopportare. Non è raro che i bambini soffrano in seguito di grave ansia o siano tormentati da incubi.

Ecco come le rappresentazioni violente influenzano i bambini 

Le scene violente nelle serie o nei film sono sconvolgenti. Per molti bambini e giovani, tali rappresentazioni causano uno stato di stress dal quale devono prima liberarsi. Le immagini violente, come quelle che si vedono nella serie Squid Game, sono spesso difficili da sopportare. Non è raro che i bambini soffrano in seguito di grave ansia o siano tormentati da incubi. Ogni bambino reagisce in modo diverso e, a seconda della propria esperienza con la violenza, tali immagini evocano forti emozioni. Per i bambini che hanno vissuto la violenza o anche la guerra in prima persona, possono risvegliare ricordi traumatici ed essere particolarmente stressanti.

La ricetta del successo di questa serie 

La serie è semplice, ma fatta in modo interessante. La tensione creata tra l’altro dalla brutalità delle scene, fa sì che difficilmente si possa distogliere lo sguardo e che ci si perda in un mondo completamente diverso dal normale. Mostra anche come le persone, per sopravvivere e pagare i loro debiti, siano disposte a superare i limiti. Per gli adulti, questo aspetto socio-critico della serie esercita un ulteriore fascino. La brutalità mostrata non è un mezzo per fare del bene. La violenza è presentata piuttosto come una forza distruttiva e scioccante. Di solito, gli adulti sono in grado di classificare questo aspetto, a differenza dei bambini che vedono la violenza brutale solo come un mezzo per punire i perdenti.

Le ragioni per cui Squid Game affascina i giovani 

Nonostante le brutali e talvolta oscure scene di violenza e il limite minimo d’età fissato ai 16 anni, la serie affascina anche i bambini più piccoli. Per alcuni, è eccitante e attraente scoprire l’aspetto del «proibito». È un modo per mettere alla prova i propri limiti. Guardare qualcosa di brutale può dare un brivido. Altri guardano la serie perché tutti sembrano farlo. Si vuole far parte del gruppo, avere voce in capitolo o superare una specie di prova di coraggio. È anche possibile che lo stile della serie contribuisca al suo fascino. L’estetica e gli effetti speciali del mondo di Squid Game a volte lo fanno sembrare un colorato gioco al computer. 

La visione di immagini violente offusca i sensi

Quando i bambini e i giovani consumano immagini o materiale video violenti, questo non li rende automaticamente violenti. Normalmente, i bambini più grandi riescono a separare la realtà dalla finzione. Hanno meccanismi naturali di protezione per affrontare tali immagini. Ad esempio, guardano intuitivamente da un’altra parte non appena viene mostrata una brutta scena. Diventa problematico quando i bambini si abituano a guardare tali immagini e non allenano più i loro meccanismi di protezione. Con il tempo, reagiscono sempre meno e diventano insensibili a tali scene. 

Strategie utili

I bambini dovrebbero essere incoraggiati a distogliere lo sguardo quando guardano scene brutte nei film e ad avvertire che probabilmente sarebbe bene spegnere tali programmi. Ancora meglio è non esporre affatto i bambini a queste rappresentazioni. In questo modo, i genitori possono evitare che i figli perdano improvvisamente il contatto con la realtà. Tuttavia, non si può escludere che i bambini nella realtà usino la violenza come mezzo di risoluzione dei conflitti. È importante reagire e discutere di questi modelli di comportamento con loro.

Accompagnare i bambini nel loro consumo dei media

A qualsiasi età, i bambini dovrebbero essere accompagnati nel loro consumo dei media. Un divieto generale spesso non è sufficiente. I bambini arrivano a contenuti violenti anche attraverso altri canali. Quindi, è ancora più importante che anche i genitori si confrontino con tendenze come la serie Squid Game. Per proteggere i bambini e i giovani, ci sono descrizioni e raccomandazioni di età per film e videogiochi (potete leggere di più su questo argomento nell’articolo «Linee guida sui videogiochi per la tutela dei giovani»), che aiutano a selezionare i contenuti adatti all’età. Dopo che i bambini hanno consumato immagini violente, di solito hanno bisogno di aiuto e tempo per classificare, elaborare e distaccarsi da ciò che hanno visto. Parlarne aiuta ad elaborare le immagini di terrore. 

Consigli per i genitori

  • Guardate il trailer (ad esempio su YouTube o Netflix) per farvi un’idea della serie. Anche lì si vedono alcune immagini sanguinolente, ma sono lievi rispetto a quelle all’interno della serie. 
  • Consigliamo di impostare l’account Netflix in modo da impedire la visione della serie ai bambini. Se vostro figlio ha accesso a Netflix, impostate un account per bambini in modo che siano disponibili solo contenuti adatti alla sua età.
  • Parlate apertamente di questa serie con i vostri figli. Chiedete cosa sanno su Squid Game e se hanno visto qualche immagine. Parlate anche delle paure che sorgono e prendete sul serio questi sentimenti
  • Prendete una posizione chiara ed esprimete le vostre preoccupazioni. Spiegate perché tali immagini non sono adatte ai bambini. Spesso i bambini sanno che non possono guardare queste serie, ma non capiscono il perché.  
  • Assicuratevi che i vostri bambini possano elaborare ciò che vedono. Se vostro figlio o vostra figlia parla spesso di certe immagini, recita contenuti senza commettere vera violenza o disegna scene, questo è un tentativo di elaborare rappresentazioni violente. 
  • Rafforzate i vostri bambini e spiegate cosa pensate della violenza nei film e nelle serie. Discutete insieme su ciò che queste immagini fanno e scatenano. Un punto di vista solido e chiaro aiuta il bambino a discutere con i coetanei e a resistere alla pressione del gruppo.