Famiglia & società

Idee su come i bambini possono usare la natura come ambiente di gioco

All’aperto i bambini vivono una gran varietà di esperienze, perché la natura è un tesoro per la scoperta e l’esplorazione. Il tempo è anche un entusiasmante campo di sperimentazione. Ci sono quindi molte ragioni per usare la natura come luogo per giocare e imparare. Idee per esperienze all’aperto.
Immagine
Bambina gioca fuori nel fango.

Durante le passeggiate o quando gioca all’aperto, il bambino entra in contatto con la natura e scopre sempre qualcosa di nuovo. Fuori, sperimenta il vento, l’acqua, la neve, la terra, la sabbia, il fuoco, i fiori, gli alberi o vede animali piccoli e grandi. A qualsiasi età, il bambino può fare nuove esperienze nel parco, al lago, al torrente, nel bosco, sui prati. La natura è un campo di apprendimento variegato.

Così i bambini possono fare esperienze nella natura

Scoprire il mondo esterno

Anche se il bambino non è ancora in grado di camminare liberamente e per il momento sta scoprendo il mondo gattonando o seduto in un passeggino: le esperienze nella natura sono comunque entusiasmanti e permettono diverse scoperte sensoriali. I genitori possono dare in mano al bambino seduto nel passeggino, ad esempio, un ramo con foglie o una bella pietra. Mentre gattona o cammina, il bambino può toccare il muschio e annusare un fiore o sperimentare come ci si sente quando un piccolo insetto striscia sulla sua mano.

Camminare faticosamente nelle pozzanghere di pioggia

Il cattivo tempo non deve essere un ostacolo per uscire di casa. Forse il bambino ama la pioggia e il vento e trova divertente essere equipaggiato con stivali di gomma e abbigliamento da pioggia. È anche divertente guardare le gocce di pioggia attraverso l’impermeabile del passeggino ed andare in giro con calzini impermeabili speciali per bambini che gattonano. O, se il bambino può già camminare, calpestare con gusto le pozzanghere e sperimentare gli spruzzi. È entusiasmante vedere piccoli «serpenti d’acqua» da catturare, formarsi su sentieri e strade. È anche divertente lasciar volare un fazzoletto o un pezzo di carta nel vento e poi corrergli dietro. 

Sentire il vento e il tempo

Uscire con la pioggia, il vento o la neve a volte è un po’ difficile. È più comodo al caldo e all’asciutto. Forse avete anche paura che vostro figlio o vostra figlia possa prendere un raffreddore. Coloro che superano le loro paure, però, spesso scoprono che ne è valsa la pena. Dopo una tale «gita», è probabile che il bambino sia più soddisfatto, perché ha avuto l’opportunità, insieme ai genitori, di fare molte e immediate esperienze sensoriali. Una buona attrezzatura resistente alle intemperie rende più facile avventurarsi all’esterno con qualsiasi tempo.

Giocare con l’acqua

Alla maggior parte dei bambini piccoli piace giocare con l’acqua, la sabbia e la terra. L’acqua schizza, scorre, bagna, fa sentire caldo o freddo. Giocandoci, il bambino scopre, ad esempio, che alcune cose vi galleggiano sopra, altre affondano o si dissolvono in essa. L’acqua può essere portata in giro in contenitori o passata attraverso un setaccio. Nella stagione calda, una piscina per bambini è meravigliosa. Se non è possibile fare il bagno fuori, i genitori possono mettere il bagnetto del bambino nella vasca «grande» o nella doccia e dare al bambino tazze, cucchiai, imbuti e tovagliette per giocare. Naturalmente, il contatto visivo deve essere sempre assicurato, perché anche con poca acqua c’è il rischio che il bambino possa annegare.

Sperimentare la sabbia e la terra

La sabbia secca si riversa e scorre, la sabbia bagnata invece sembra come la terra eppure è diversa. Con i vestiti giusti e il permesso di sporcarsi, giocare con la sabbia e la terra diventa un’esperienza di gioco quasi inesauribile: distribuire, lanciare, sentire la sabbia su tutto il corpo, sedercisi dentro, costruire qualcosa per poi distruggerla... 

Coprire le sabbiere

Se il bambino si mette in bocca una manciata di sabbia o di terra, i genitori non devono reagire troppo ansiosamente. Fa semplicemente parte dell’esperienza e certamente non fa male in piccole quantità. Tuttavia, per proteggere dalla contaminazione da escrementi di animali, le sabbiere dovrebbero sempre essere coperte dopo l’uso. Questa misura di sicurezza manca spesso nelle sabbiere pubbliche. In questo caso, vale la pena informarsi presso la città o il comune su chi è il/la persona responsabile.

Il fascino del fuoco

Il fuoco è un’attrazione magica per la maggior parte dei bambini. Naturalmente occorre stare molto attenti. Meravigliarsi della luce calda di una candela, spegnendola più e più volte, o sedersi a debita distanza davanti a un fuoco all’aperto è affascinante. Per garantire che tali esperienze siano sicure, gli adulti dovrebbero accompagnare il bambino.

Immagine
Lettere ai genitori 2/3 anno di vita

Lettere ai genitori di Pro Juventute

Questo testo è un estratto della Lettera ai genitori 14 «Vostro figlio o vostra figlia ha un anno e due mesi».

Molti comuni regalano le Lettere ai genitori

In molti comuni e città, chi diventa genitore per la prima volta riceve in regalo un abbonamento alle Lettere ai genitori di Pro Juventute. Alcuni comuni lo regalano per tutto il primo anno di vita del bambino. Altri regalano le Lettere ai genitori fino ai sei anni del bambino. Verificate se il vostro comune di residenza finanzia le Lettere ai genitori.

Inserite il vostro codice postale e selezionate il vostro luogo di domicilio dall’elenco.

Donare