Sviluppo e salute

Come si manifesta la depressione postnatale?

L'arrivo di un bambino non è sempre associato solo a sentimenti di felicità. Per alcune madri, questa nuova situazion innesca una depressione. È importante che questa malattia sia riconosciuta e curata. Esperienze e conoscenze nella gestione della depressione postnatale.
Immagine
Come si manifesta la depressione postnatale.

Autore: Andrea Borzatta
Copresidente dell’associazione Postnatale Depression Schweiz

L'arrivo di un bambino non è sempre associato solo a sentimenti di felicità. Per alcune madri, questa nuova situazione innesca una depressione. È importante che questa malattia sia riconosciuta e curata. Esperienze e conoscenze nella gestione della depressione postnatale.

«La nascita del mio primo figlio ha avuto un decorso tutt'altro che desiderato», racconta Andrea Borzatta. A causa di forti mal di testa e dolori di stomaco ha dovuto essere ricoverata in ospedale e 24 ore dopo le è stato tolto il figlio in seguito a un avvelenamento da gravidanza. «Hanno detto che altrimenti saremmo morti entrambi. Mi sentivo come ai confini della realtà. Mio figlio è stato portato direttamente al reparto di terapia intensiva dell'ospedale pediatrico e io stessa ho trascorso tre giorni nel reparto di terapia intensiva». La prima volta che la madre vede il figlio, lo vede come un essere piccolissimo pieno di cavi.

Un bebè e una quotidianità piena di preoccupazioni

In retrospettiva Andrea Borzatta descrive le sue sensazioni: «L’amore che ho provato per mio figlio è stato immediatamente infinito. Ma ancora più grandi erano la paura e la preoccupazione per lui. Quando ci è stato permesso di andare a casa dopo due settimane, la vita quotidiana è stata caratterizzata dalla pesatura, dall'estrazione del latte materno e dall’allattamento. Non c'era quasi mai una tregua. La paura che mio figlio non potesse crescere bene o semplicemente smettesse di respirare mentre dormivo, mi attanagliava costantemente e prevaleva su tutto. Non ricordo un solo momento con il mio bebè durante il quale mi sono sentita felice e appagata. Avevo problemi a stare da sola con il mio bebè, pensavo di essere una cattiva madre perché non ce la facevo a prendermi cura di lui».

Sovraccarico e paure anziché le gioie della maternità

Secondo l'Ufficio federale di statistica, nel 2017 sono nati in Svizzera 84 959 bambini. Circa il 15 per cento delle donne, poco meno di 13 000 all'anno, viene messo in crisi da questo cosiddetto lieto evento: soffrono di depressione postnatale (postpartale) o addirittura di una psicosi.  La maggior parte di esse soffre in silenzio. Sotto il peso del contesto sociale che dice che si dovrebbe essere felici, si vergognano dei loro sentimenti e non sanno di soffrire di una malattia curabile. Questo prolunga inutilmente le loro sofferenze.

Il trauma si ripete

Le prime settimane dopo la nascita del secondo figlio sono state relativamente rilassanti per Andrea Borzatta. Quando il secondogenito non voleva più bere, il trauma non metabolizzato della prima nascita si è ripresentato. «Con il senno di poi so che è stata un'infezione innocua, ma quando è successo sono stata sopraffatta da un'enorme paura che mi ha schiacciato come sotto un macigno» Descrive i suoi sentimenti come un circolo vizioso che è ricominciato da capo. «In quel momento non ero più in grado di interpretare correttamente i segni che mi dava mio figlio». Oggi Andrea Borzatta è copresidente dell'Associazione svizzera per la depressione postnatale. Vuole trasmettere le proprie esperienze e in questo modo aiutare altre persone colpite.

Imparare a superare le paure

«Anche dopo la mia permanenza in clinica, il percorso è stato difficile. Ho dovuto cercare di cambiare il mio comportamento ansioso ed è stato un duro lavoro. Con il passare del tempo, sono riuscita a cogliere i segnali che mi mandava mio figlio e sono stata in grado di reagire di conseguenza». La «teoria della consapevolezza» ha aiutato la madre. Ha imparato a prestare attenzione in modo consapevole al singolo momento e a interpretare il comportamento del bambino. «Se non voleva mangiare, mi chiedevo se sarebbe morto immediatamente non mangiando nulla. Mi sono allora resa conto che, contrariamente ai miei pensieri irrazionali, non è così».

Imparare ad affrontare la malattia

Nel frattempo i figli di Andrea Borzatta hanno quattro e sette anni e la riempiono di orgoglio. Essi hanno caratteri molto diversi, ma la madre ha un rapporto molto intimo con entrambi. Le seguenti affermazioni riflettono il fatto che affrontare questa malattia è un processo lungo: «Ancora oggi, a volte ho problemi a stare sola con i miei figli. Probabilmente anche perché all’inizio ho cercato spesso di evitarlo. Mi esercito a non essere troppo severa con me stessa, a godermi il tempo con i miei figli in modo più consapevole e accetto la malattia come parte della nostra storia familiare. Nel frattempo, penso addirittura che la malattia abbia reso più forte me e il mio rapporto con i miei figli».

Baby blues e depressione postnatale non sono la stessa cosa

Tra il 40 e l'80% delle madri soffre di una depressione postnatale. Pochi giorni dopo la nascita si presentano questi «giorni di lacrime», chiamati anche «baby blues». Questa depressione passerà nel giro di ore o giorni e un trattamento non risulterà necessario.

Sintomi come tristezza e pianto, mancanza di concentrazione, irritabilità, aggressività, confusione, disturbi del sonno e dell'appetito sono reazioni a un cambiamento di vita travolgente, associato all'arrivo di un bambino. Questo abbassamento temporaneo dell'umore fa parte di un processo di adattamento a una nuova fase della vita e i sintomi non differiscono molto dalla depressione postnatale. Se persistono per più di due settimane, si sospetta una depressione postnatale. Un marcato stato d'animo depressivo postnatale aumenta il rischio di sviluppare una depressione postnatale. Spesso la transizione è indefinita.

Madre solo apparentemente felice 

La depressione non è facile da riconoscere dai parenti e dalle persone colpite. Inoltre può verificarsi anche mesi dopo il parto. Per vergogna, le persone colpite spesso cercano di apparire il più a lungo possibile come delle madri felici. Segni come esaurimento, vuoto interiore, svogliatezza, profonda tristezza, mancanza d’appetito e disturbi del sonno di solito si sviluppano lentamente.

Sei mesi dopo la nascita del secondo figlio Andrea Borzatta ha dovuto ricoverarsi in clinica. Lì ha imparato a superare le sue paure e ad accettare di aver fatto tutto ciò che per lei era possibile. Oggi è consapevole che allora era malata e avrebbe avuto bisogno di aiuto.

Suggerimenti per le persone colpite

  • Chieda tempestivamente aiuto al suo partner, all’interno del suo contesto sociale, se lo stress diviene eccessivo dopo la nascita di un figlio. Non cerchi per vergogna di sembrare una madre felice.
  • Prenda sul serio segnali come spossatezza, esaurimento, svogliatezza, tristezza profonda, mancanza di appetito e disturbi del sonno. Indicano che è malata e che non sta percependo le gioie della maternità.
  • Presti attenzione a se stessa e non nasconda i suoi sentimenti. La depressione postnatale è una malattia curabile.
  • Se ha la sensazione che qualcosa non va, può usare la Edinburgh Postnatal Depression Scale (scala di Edimburgo) per fare online una prima valutazione della sua situazione. I risultati danno un’indicazione sull’eventuale necessità di consultare uno specialista per un chiarimento più preciso.

Postnatale o post parto?

Il termine postnatale descrive il tempo dopo la nascita in relazione al bambino, mentre post parto si riferisce alla madre. Il termine medico corretto è quindi depressione post parto. Tuttavia, poiché il termine post-natale è molto più comune, lo usiamo ancora un po’ dappertutto. Così è più facile trovare i contenuti corrispondenti sul web, ad esempio su Google. Più del nome corretto, per noi è importante che coloro che cercano aiuto lo trovino rapidamente.