Famiglia e società

I bambini possono essere chiamati a rispondere dei danni?

Se i bambini causano deliberatamente dei danni, possono essere ritenuti responsabili per legge. Per evitare spiacevoli sorprese, i genitori dovrebbero essere informati sulla capacità di discernimento dei bambini.
Immagine
Responsabilità-bambini

I bambini sono pieni di idee e a volte combinano anche dei guai. Il più delle volte tutto finisce bene e i bambini se la cavano con uno spavento. Ma cosa succede se i bambini rompono intenzionalmente qualcosa o feriscono deliberatamente qualcuno?

Ad esempio, due scolari di terza elementare gettano spavaldamente del fango sulla macchina del custode e si spaventano quando si accorgono di aver causato dei danni alla vernice.

Quando una bravata causa un danno

Chi è chiamato a rispondere se una stupida bravata o una cattiveria intenzionale provoca dei danni economici? Nella rivista «Beobachter» ciò viene spiegato attraverso lʼesempio di un bambino di nove anni: il bambino, mentre giocava con dei fiammiferi ha appiccato un incendio in un fienile. È stato giudicato in grado di intendere e di volere, poiché i bambini della sua età dovrebbero sapere che giocare con i fiammiferi è pericoloso. Contrariamente a quanto si pensi, i genitori non sono sempre e in qualsiasi circostanza responsabili delle azioni dei propri figli. Molti genitori sono poco o non sufficientemente consapevoli del fatto che i bambini sono considerati capaci di intendere e di volere non appena essi sono in grado di valutare le conseguenze delle proprie azioni.

Obbligo di vigilanza dei genitori

I genitori sono chiamati a rispondere per i loro figli minorenni. Secondo la legge, i genitori di minori sono responsabili se non hanno adempiuto al loro obbligo di vigilanza. Nel caso in cui si sia verificato un danno, quindi, si chiarisce prima di tutto se i genitori abbiano assolto il loro compito di vigilare sui propri figli. Nellʼesempio che segue ci si è chiesti se il padre avesse adempiuto al suo obbligo di vigilanza mentre guardava i suoi due figli piccoli andare sullo slittino. Anche se era presente, non poteva impedire ai suoi figli di investire a tutta velocità una donna, che nella caduta si è ferita. La corte si è pronunciata a favore del padre.

Responsabilità sulla base della capacità di discernimento

Da un punto di vista puramente giuridico, se i genitori hanno adempiuto al loro obbligo di vigilanza, non sono tenuti a coprire i danni. Ciò significa che è il bambino a dover risarcire i danni da lui causati intenzionalmente o per negligenza, ad esempio, se nel corso di una lite ha strappato deliberatamente la giacca di un compagno di classe o se ha rotto gli occhiali di una compagna. In realtà, è più probabile che le persone danneggiate si rivolgano ai genitori piuttosto che ai bambini o ai ragazzi stessi, ad esempio, nel caso in cui questi ultimi abbiano mandato in frantumi la finestra del vicino mentre giocavano a pallone, anche se lì non era permesso farlo. Per non compromettere il rapporto con i vicini, i genitori di solito pagano i danni, anche se non sono venuti meno al loro obbligo di vigilanza.

Imparare dagli incidenti

Affinché il bambino impari qualcosa da un incidente simile, dovrebbe essere coinvolto nella riparazione del danno. Dalla lettera allʼassicurazione di responsabilità civile alle scuse ai vicini di casa, è utile e istruttivo che il bambino prenda parte al processo. Anche se lʼassicurazione copre il danno, di solito deve essere pagata una franchigia. Sicuramente al vicino di casa farà piacere ricevere lʼaiuto del bambino durante i lavori di giardinaggio o la pulizia dellʼauto. In questo modo al bambino viene data la possibilità di rimediare a un proprio errore.

Non ancora adulti e già indebitati

Le cose si complicano quando la somma dei danni è elevata, ad esempio, se i figli hanno danneggiato deliberatamente le attrezzature da gioco o imbrattato le pareti di una fermata dellʼautobus. Generalmente, i ragazzi non dispongono di denaro sufficiente per pagare i danni di maggiore entità. In alcuni casi particolarmente gravi può accadere che i ragazzi vengano chiamati a rispondere dei danni causati solo quando dispongono di un proprio reddito. Un errore, frutto dellʼimmaturità giovanile, può quindi compromettere in modo permanente il futuro di un giovane. È importante che i genitori informino il proprio figlio o la propria figlia di questa situazione giuridica evidenziandone le possibili conseguenze, eventualmente di ampia portata.

Cosa possono fare i genitori –quattro consigli

  • Assicuratevi di adempiere al vostro obbligo di vigilanza. Da un punto di vista puramente legale non siete chiamati a risarcire i danni causati da vostro figlio in tale circostanza.
  • Fate sapere a vostro figlio che può essere punito legalmente e chiamato a pagare per un atto intenzionale e doloso.
  • Affinché vostro figlio impari qualcosa da un incidente, dovrebbe essere coinvolto nella riparazione del danno. Lasciate che prenda parte al processo, dalla lettera allʼassicurazione di responsabilità civile alle scuse ai vicini.
  • Anche se lʼassicurazione di responsabilità civile copre il danno, di solito deve essere pagata una franchigia. Date a vostro figlio la possibilità di rimediare al suo errore, ad esempio offrendo in cambio il suo aiuto nei lavori di giardinaggio, di pulizia dellʼauto, ecc.