Famiglia & società

Quando la famiglia improvvisamente deve rimanere a casa

Il coronavirus e l’isolamento hanno cambiato la nostra vita quotidiana. Per i genitori con figli questo significa dover conciliare lavoro e cura dei bambini. Sabine Brunner lavora al Marie Meierhofer Institut für das Kind. In una conversazione, la psicologa e psicoterapeuta dà consigli utili su come gestire al meglio questa situazione difficile.
Immagine
Papà fa la pizza con i figli. Suggerimenti per il tempo trascorso insieme nella crisi del Corona.

Da un giorno all’altro abbiamo dovuto chiudere i nostri contatti sociali e siamo stati costretti a rimanere a casa. Come si comportano le persone in una tale crisi?

Sabine Brunner: La gente reagisce in modo molto diverso in una crisi di questo tipo. A causa di questa minaccia si può sprofondare in una sensazione di disastro. Poi la situazione diventa ancora più difficile. Allo stesso tempo, però, c'è anche una possibilità: per esempio, che si ci riavvicini di nuovo emotivamente, che ci si tratti con attenzione e che si usi il tempo per scalare la marcia. Siamo tutti sulla stessa barca e – che ci piaccia o no – ora dobbiamo usare il tempo in modo diverso. Una premessa di vita fondamentale a che è utile e benefica allo stesso tempo. 

Con i bambini piccoli rallentare è difficile. Cosa possono fare i genitori per affrontare questa situazione?

Sabine Brunner: Questa è una grande sfida per i genitori. Può anche essere insolito che all'improvviso si passi molto più tempo con i bambini. Bisogna prima imparare di nuovo a gestirlo, e prima di tutto bisogna riappropriarsi e riconquistare questa intensa collaborazione. Accudire i bambini e lavorare da casa è una combinazione difficile. Confortante è, che i bambini piccoli probabilmente non soffrono della situazione di per sé. A loro piace giocare, anche senza struttura, e piace giocare e stare insieme senza interruzioni continue. Almeno finché è ancora permesso uscire e avere abbastanza movimento.

I bambini delle scuole elementari e i giovani sono abituati a incontrare i coetanei a scuola e nel tempo libero. Cosa significa per questa fascia d'età se questi contatti sono ridotti al minimo?

Sabine Brunner: È difficile per i bambini delle scuole medie e gli adolescenti quando i contatti abituali scompaiono. A quest'età l’orientamento verso i loro coetanei è molto forte. Più i bambini crescono, più si muovono verso l’esterno e cercano di diventare sempre più indipendenti. Senza scuola e con l’obbligo di rimanere a casa e di imparare da soli, questa possibilità viene a mancare. È quindi tanto più importante che i genitori scoprano insieme ai loro figli più grandi e ai giovani, di cosa hanno bisogno in questa situazione e come i bisogni possano essere soddisfatti al meglio in tali circostanze. Invece di allenarsi per il calcio, si può forse andare a fare jogging, invece di un incontro serale nel parco, magari è possibile un incontro su Skype. Il riposo e il ritiro spesso rivelano la creatività nel trovare qualcosa di nuovo.

Questo stato di emergenza non è facile da gestire per una famiglia. A cosa devono stare attenti i genitori?

Sabine Brunner: I genitori devono badare a se stessi, ma anche assicurarsi che i figli stiano bene. La grande sfida per loro è ora quella di rimanere calmi e fiduciosi. Per tutti i membri della famiglia mancano le consuete distrazioni. Ora è necessaria la cura di se stessi per non perdere l’equilibrio interiore. 

«È anche molto importante sfogare la propria frustrazione e non prendersela con gli altri membri della famiglia.»

Sembra plausibile e allo stesso tempo un po' astratto. Cosa si può fare attivamente per evitare che l’equilibrio sfugga di mano? 

Sabine Brunner: Ci sono diverse strategie che possono aiutare: È molto importante garantire un equilibrio tra movimento, riposo e attività, per sé e per i bambini. Dato che ora ci siamo ributtati su noi stessi, potremmo dover prima scoprire come fare questo e cosa è bene per noi. Cosa mi rende, nonostante le possibilità limitate, soddisfatto e cosa mi rende felice anche in questa situazione particolare? Naturalmente, non è utile pensare solo a cose irraggiungibili. È utile scoprire cosa rende nervosi e come è possibile contrastare il nervosismo emergente. È anche molto importante sfogare la propria frustrazione e non prendersela con gli altri membri della famiglia.  

Ma è più facile a dirsi che a farsi. Esistono misure preventive per evitare che altri soffrano del malumore di un membro della famiglia?

Sabine Brunner: Nelle fasi difficili è fondamentale che il dialogo tra di loro sia attivato o almeno intensificato. Condizioni di vita ristrette, poco spazio e nessuna possibilità di ritirarsi, sono fattori aggravanti in situazioni eccezionali come l'isolamento a causa del coronavirus. Fortunatamente, c’è ancora la possibilità di uscire, di fare letteralmente un respiro profondo, di respirare e distanziarsi per un momento dagli altri. Naturalmente, nonostante i problemi familiari, le precauzioni prese contro il coronavirus non devono essere dimenticate. Per dare sfogo alla propria sofferenza e per rallegrarsi, si può anche chiamare un amico, o un’amica.

«Un approccio attento e rispettoso è un po' un’arma per gestire meglio le crisi.»

Come affrontate la situazione come famiglia quando vi trovate improvvisamente sempre e solo a casa insieme? Come si fa a mantenere il buon umore di base e a non tirarsi i capelli a vicenda?

Sabine Brunner: Anche prima dell’isolamento, i genitori hanno dovuto trovare un accordo per organizzare la vita quotidiana. Anche ora gli accordi sono inevitabili e esigere qualcosa è altrettanto possibile o addirittura necessario. Poiché ora le persone vivono più strettamente insieme, è necessario fissare dei confini precisi e pianificare di nuovo la vita quotidiana. Allo stesso tempo, la situazione attuale è un’opportunità per fare di nuovo le cose insieme più spesso. Cucinare insieme, riordinare insieme, giocare insieme, crea una vicinanza che rafforza e unisce. Un approccio attento e rispettoso è un po' un’arma per gestire meglio le crisi. 

Affrontare l’incertezza richiede pazienza. Al momento non è possibile stimare quanto tempo ci vorrà prima che la situazione si allenti. Che cosa succede a noi esseri umani quando non possiamo più muoverci liberamente, non possiamo più incontrare le nostre amiche e i nostri amici e non abbiamo più attività per il tempo libero?  

Sabine Brunner: Dobbiamo imparare ad andare d’accordo con noi stessi. Se riusciamo a ottenere qualcosa di positivo da questo momento difficile, può essere un’esperienza emozionante. Senza volerlo, ciò si ripercuote su noi stessi e ci si trova a dover affrontare sentimenti contraddittori. Il fatto che però le restrizioni siano valide per tutti, unisce e forse rende un po’ più facile sopportare questa situazione eccezionale. 

In questo momento si susseguono le notizie e gli sviluppi in altri Paesi e le previsioni sono fonte di inquietudine e paura. Come gestire la quantità di informazioni? 

Sabine Brunner: Ci sono due tendenze nel trattare le informazioni: alcuni negano la pericolosità della situazione e non credono alle notizie ufficiali. Altri, vogliono sapere tutto, seguono le notizie quasi senza sosta, si sentono sempre più stressati e si spaventano sempre di più. È importante affrontare la situazione ad occhi aperti. Se siete sopraffatti da sentimenti catastrofici e di paura, dovreste crearvi una struttura nel gestire le informazioni e trovare un modo che vi faccia bene. Ad esempio, prendere informazioni solo due volte al giorno e selezionare solo canali affidabili. 

Naturalmente ogni famiglia spera che tutti rimangano sani e che nessuno si ammali. Come ci si può armare contro un’emergenza, senza farsi prendere dal panico? 

Sabine Brunner: Sì, i genitori dovrebbero considerare per tempo come affrontare la situazione se uno dei genitori, un figlio, o una figlia, si ammala. Alleggerisce sapere a chi rivolgersi per primo, come chiarire la malattia, come ottenere informazioni mediche. Anche l’organizzazione domestica può essere inclusa in tali considerazioni, ad esempio chi dormirebbe dove e come potrebbe essere organizzata la cura della casa. È importante ricordare sempre di non occupare l’ospedale senza un’urgenza, ma piuttosto di informarsi prima per telefono e in questo modo chiedere aiuto. 

Le crisi sono anche un’opportunità, come si continua a dire. Per quanto riguarda l’isolamento, c'è anche un aspetto positivo che potrebbe aiutare in questa situazione estremamente difficile?

Sabine Brunner: La vita è diventata spesso troppo frenetica per tutti noi. Sempre e ovunque ci mancava il tempo e desideravamo un po’ più tranquillità. Il fatto che siamo costretti a mollare la presa potrebbe essere a nostro favore. Ora c’è tempo per nuove idee. E molti bambini certamente beneficiano del fatto che i loro genitori hanno improvvisamente più tempo per loro. 

Cosa possono fare i genitori – quattro consigli

  • Cercate di ottenere qualcosa di positivo dal dover rallentare e rendete piacevole il tempo trascorso in famiglia. Ad esempio, sfruttate l'occasione per giocare insieme, cucinare, chiacchierare e per tutto ciò che non aveva posto nella frenetica vita quotidiana. 
  • Approfittate di questa situazione eccezionale per riavvicinarvi come famiglia. Affrontate i conflitti a tempo debito, ma prendete anche distanza l’uno dall’altro se per un momento la vicinanza diventa eccessiva. Fintanto che si adottano le necessarie misure di sicurezza contro il coronavirus, si può comunque uscire. 
  • Assicuratevi di avere una distribuzione equilibrata di movimento, riposo e attività. Date struttura alla vostra vita quotidiana e pianificate ogni giorno insieme ai vostri figli. 
  • Pensate per tempo a come organizzarvi nel caso in cui un genitore o un familiare si ammali.