Età di voto di 16 anni: La partecipazione dei giovani rafforza il contratto intergenerazionale

Immagine
L'apprendimento dei giovani adulti. Pro Juventute si impegna ad avere un'età di voto di 16 anni.
  • La partecipazione precoce è un mezzo efficace per motivare i giovani ad assumersi responsabilità politiche. Solo chi è in grado di avere voce in capitolo nel processo decisionale si assumerà la responsabilità sociale, acquisirà familiarità con le regole politiche e penserà insieme alla società.
  • Pro Juventute vuole che i giovani siano dotati di competenze politiche per poter esercitare attivamente i loro diritti. Ciò richiede un potenziamento dell’educazione politica, una maggiore sensibilizzazione rispetto ai diritti dei bambini e maggiori risorse a tal fine nelle scuole e nelle scuole professionali.
  • L’età di voto di 16 anni deve essere aperta a tutti i giovani svizzeri. E questo senza alcun obbligo di registrazione o ostacoli simili.
  • Pro Juventute si impegna a garantire che i bambini e i giovani siano parte equiparata della società. Ciò significa che devono essere in grado di svolgere un ruolo attivo nel plasmare la loro vita e l’ambiente circostante - anche e soprattutto in politica.

I bambini e i giovani contribuiscono a plasmare la nostra società in molti modi. Tuttavia, lo fanno fino all’età di 18 anni senza diritto di voto1. La partecipazione dei bambini e dei giovani, in particolare la partecipazione politica2, è una questione sociale centrale. Sta attirando sempre più l’attenzione. È anche motivata dal timore che i giovani possano voltare le spalle alla politica. Ciò sarebbe doppiamente problematico nel sistema democratico svizzero. Da un lato, la Svizzera, con le sue numerose istituzioni del sistema militare, dipende dai giovani politici, dall’altro si rivela un problema di legittimazione democratica quando le persone prendono decisioni che riguardano soprattutto gli altri, in questo caso le giovani generazioni. Già oggi il tasso di partecipazione al voto tra gli under 30 non è nemmeno la metà di quello degli over 70. I calcoli di Avenir Suisse mostrano che nel 2035 la metà degli elettori avrà3più di 60 anni.

Un semplice strumento contro il crescente squilibrio politico tra le generazioni è l’abbassamento dell'età di diritto al voto a 16 anni. Le richieste corrispondenti hanno raggiunto da tempo l’arena politica. Stanno diventando sempre più rumorosi - e capaci di guadagnare una maggioranza: nel Canton Glarona l’età di voto attiva è di 16 anni per gli affari cantonali e sono state avviate discussioni in molti altri Cantoni e a livello federale, oppure sono in attesa di proposte corrispondenti.

Solo chi ha voce in capitolo nel processo decisionale si assume anche la responsabilità sociale

La partecipazione precoce è un mezzo efficace per motivare e responsabilizzare i giovani ad assumersi responsabilità politiche. Chi ha voce in capitolo nel processo decisionale può familiarizzare con le regole politiche, occuparsi di più delle questioni politiche e pensare insieme alla società. I sondaggi tra i giovani dimostrano che esiste un forte legame tra l’interesse politico e la volontà di partecipare attivamente. Ciò significa: i giovani, il cui interesse per la politica viene risvegliato durante gli anni scolastici, vogliono anche avere voce in capitolo nella vita politica. Se questo non viene fatto, l’interesse diminuisce rapidamente di nuovo. Inoltre: se i giovani possono votare, diventano interessanti per i politici come potenziali elettori. È più probabile che le loro preoccupazioni vengano ascoltate e prese in considerazione. Pro Juventute vede quindi l’abbassamento dell’età di voto a 16 anni anche come un’opportunità per rafforzare il rapporto politico e sociale tra le generazioni, ossia il contratto intergenerazionale.

Nuovi doveri e diritti richiedono competenza politica

L’estensione dei diritti politici per i giovani non porta automaticamente a una maggiore partecipazione dei giovani. La ricerca elettorale e di voto è d’accordo su questo. Solo con una solida educazione politica aumenta l’interesse per la politica e con essa la probabilità che i giovani partecipino attivamente agli eventi politici. Ciò richiede non solo un incremento delle opportunità educative che promuovano i valori democratici e la competenza politica, ma soprattutto maggiori risorse per l’educazione politica nelle scuole e anche in quelle professionali. Pro Juventute ha molta esperienza nel campo della partecipazione giovanile, ad esempio con il Campus per la democrazia, con i workshop nazionali per i giovani e con i workshop sull’educazione politica. Pro Juventute vuole preparare i giovani affinché possano utilizzare attivamente i loro nuovi diritti.

Il diritto di voto a 16 anni deve essere aperto a tutti i giovani

Nello spirito delle pari opportunità, tutti i giovani dai 16 anni in su devono avere la possibilità di partecipare alla politica senza ulteriori ostacoli. È noto da ricerche approfondite sulla partecipazione degli elettori al voto che, ad esempio, l’iscrizione obbligatoria, cioè il diritto di voto su richiesta, impedisce a certi gruppi di partecipare attivamente. L’autoselezione di questo tipo deve essere impedita a tutti i costi. Pro Juventute si impegna quindi per la possibilità di esercitare il diritto di voto a partire dai 16 anni di età in modo incondizionato per tutti i giovani svizzeri, senza che questi debbano4soddisfare ulteriori requisiti o iscriversi.

I sedicenni e i diciassettenni sono pronti per la politica

Gli studi sul voto a 16 anni in Austria mostrano che, sebbene la partecipazione alle elezioni sia bassa tra i sedicenni e i diciassettenni, la qualità del processo decisionale non è peggiore e la motivazione a partecipare non è inferiore a quella degli elettori5più anziani. In Svizzera, il diritto di voto e di essere eletti è legato alla capacità di giudicare. Ciò dipende dalla capacità dei giovani di agire con sufficiente responsabilità per un determinato compito. Sempre più politici e scienziati sono d’accordo su questo: i sedicenni hanno le capacità cognitive per esercitare il diritto di voto e di scelta e sono ben consapevoli della responsabilità che deriva da questo diritto.

In quanto maggiore organizzazione per bambini e giovani in Svizzera, Pro Juventute si impegna affinché i bambini e i giovani partecipino alla società su un piano paritario e possano contribuire a plasmare la loro vita e il loro ambiente. Il prerequisito è che non solo li ascoltiamo su questioni politiche e sociali, ma li integriamo e forniamo loro gli adeguati diritti di co-determinazione. Poiché la partecipazione politica e l’integrazione sociale sono reciprocamente dipendenti.

Documento di sintesi Età di voto a 16 anni


1La Svizzera disciplina il diritto dei bambini e dei giovani a partecipare alla costruzione della nostra democrazia negli articoli 6, 11 e 41, capoverso 1, della Costituzione federale e della ratifica della Convenzione dell’ONU sui diritti dell’infanzia.
2Questo documento di sintesi si limita alla politica formale, nella consapevolezza che la partecipazione e la co-determinazione assumono molte altre forme. 
3Avenir Suisse (2016): CH 1995 2035. Globale Trends, nationale Herausforderungen, liberale Lösungen.
4Non va tuttavia dimenticato che i giovani stranieri sono ancora esclusi dalla partecipazione politica a livello nazionale, anche in caso di diritto di voto a 16 anni.
5Wagner, Johann e Kritzinger (2012): „Voting at 16: Turnout and the quality of vote choice“ in: Electoral Studies (31/2).