Mio figlio ha problemi ad addormentarsi

«Fino a poco tempo fa, nostro figlio di due anni dormiva abbastanza bene. Ma da qualche settimana la notte è diventata un incubo per tutti noi. Il bambino ha difficoltà ad addormentarsi. Spesso si sveglia anche di notte piangendo e ci cerca. Cosa possiamo fare per ristabilire un po’ di calma e impedire che le notti siano così turbolente?»

S.E., 39, San Gallo 

La risposta della Consulenza per genitori di Pro Juventute

Certamente le forze ne risentono quando il sonno notturno viene interrotto. Molti bambini hanno difficoltà ad addormentarsi e a rimanere addormentati. Sfortunatamente, non ci sono rimedi brevettati per cambiare questa situazione. Forse potete provare con alcuni dei nostri consigli e speriamo che le vostre notti siano presto più tranquille.

Nei bambini piccoli i problemi di sonno sono spesso legati a una nuova fase di sviluppo. Vostro figlio di due anni sta cominciando a scoprire il mondo e ciò che sta sperimentando può impedirgli di addormentarsi o lo tiene sveglio di notte. Date a vostro figlio abbastanza tempo la sera per prepararsi ad andare a letto.

È utile avere routine e rituali che siano gli stessi ogni sera.

Aiutatelo a scaricare la tensione e a staccarsi dagli eventi della giornata. In questo modo gli rendete più facile addormentarsi. Per molti bambini, i peluche sono compagni di sonno indispensabili. Può essere anche d’aiuto evitare verso sera alimenti come succo d’arancia, bevande molto zuccherate e cibi con effetto stimolante. Se vostro figlio sta giocando, cercate di non interrompere improvvisamente il gioco per metterlo a letto. Concludete sempre la giornata in modo tranquillo e positivo, anche se è stato faticoso o avete dovuto rimproverarlo. Godetevi i momenti tranquilli mentre mettete a letto vostro figlio.

È utile avere routine e rituali che siano gli stessi ogni sera. Dopo cena, per esempio, può esserci un breve momento di gioco insieme prima di mettere il pigiama e lavare i denti. A letto, vostro figlio può forse ascoltare una storia, e mentre gli cantate una ninna nanna, potete rimboccargli gentilmente le coperte e spegnere la luce. Se a vostro figlio non piace addormentarsi al buio, lasciate la porta un po’ aperta o lasciate accesa una luce notturna non troppo forte.

Di notte, vostro figlio elabora tutte le impressioni che ha assorbito durante il giorno. Se si sveglia, potrebbe sentirsi un po’ perso. Finché non riesce a riaddormentarsi da solo, ha bisogno che gli stiate vicino. Tutte queste cose aiutano a far sì che il vostro bambino si addormenti con pensieri positivi.  

Avete anche voi domande?

Gli esperti rispondono in modo rapido, semplice e gratuito a tutte le domande sull’educazione, lo sviluppo, l’assistenza e l’organizzazione della famiglia. Con la Consulenza per genitori, Pro Juventute sostiene genitori e persone di riferimento in caso di piccole e grandi preoccupazioni. Perché ogni bambino è unico e ogni famiglia è diversa.