Sviluppo & salute

Mio figlio o mia figlia deve farsi vaccinare contro il coronavirus?

Da quando l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic ha approvato i vaccini di Biontech-Pfizer e Moderna per i ragazzi dai dodici ai diciassette anni anche in Svizzera, le famiglie si pongono nuove domande. È importante che i genitori coinvolgano la figlia o il figlio in questo processo. Poiché i bambini hanno la capacità e il diritto di formarsi un’opinione e di essere ascoltati.
Immagine
Ragazza che viene preparata per la vaccinazione.

Essere genitori significa soppesare sempre e di nuovo ciò di cui il bambino/la bambina ha bisogno per crescere sano e felice. Il benessere del bambino / della bambina è centrale e influenza le decisioni. 

Cosa è giusto per mio figlio / mia figlia?

Che si tratti di vaccinazioni o di altre questioni, quando si cerca una risposta, è importante coinvolgere vostro figlio o vostra figlia nel processo decisionale. Secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, i bambini e i giovani hanno il diritto di formare liberamente le proprie opinioni e anche di esprimersi liberamente, soprattutto su questioni che li riguardano direttamente. Scambiate informazioni in famiglia, verificate insieme i fatti, chiedete al vostro/alla vostra pediatra o informatevi da altri specialisti. Assicuratevi che vostro figlio o vostra figlia possa soppesare liberamente e senza pressioni i benefici e i rischi di una vaccinazione. 

Raccomandazione di vaccinazione della Commissione e dei pediatri

Tenendo conto di un’analisi individuale dei rischi e dei benefici, la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) e la Società di pediatria svizzera raccomandano la vaccinazione per bambini e giovani. Cosa include un’analisi dei rischi e dei benefici? Secondo gli esperti, in questa analisi dei rischi e dei benefici deve essere soppesata come la vaccinazione può proteggere dall’infezione del virus e quali effetti della pandemia possono essere evitati. Questo perché l’isolamento, la quarantena e le restrizioni nella vita sociale mettono a dura prova i bambini e i giovani. 

Valutate i rischi e i benefici insieme a vostro figlio o a vostra figlia e lasciate che decida liberamente. 

La pandemia è un fardello pesante per i bambini

Durante la pandemia di coronavirus, si è sempre più evidenziato che i bambini e i giovani soffrono di più e sono psicologicamente più stressati di altri gruppi di popolazione. Alla Consulenza + aiuto 147 di Pro Juventute, la consulenza sui problemi psicologici è aumentata del 40% rispetto all’anno precedente (vedi Rapporto-Coronavirus di Pro Juventute). Anche i casi di crisi con intento suicida sono quasi raddoppiati rispetto all’anno precedente. Gli psichiatri dell’infanzia e dell’adolescenza lottano con un forte aumento del carico di lavoro. A causa della chiusura delle scuole, i giovani che hanno ricevuto poco supporto a casa sono particolarmente svantaggiati nella ricerca di posti di apprendistato. La disuguaglianza di opportunità è ulteriormente peggiorata. Anche queste informazioni dovrebbero essere prese in considerazione quando si pondera la decisione di vostro figlio o vostra figlia a favore o contro la vaccinazione. 

l bambini hanno il diritto di esprimere la loro opinione

Se un bambino/una bambina è capace di giudizio e decide a favore o contro la vaccinazione, gli adulti devono accettarlo. Di regola, i bambini sono considerati capaci di giudizio dall’età di dieci anni. Il vostro/la vostra pediatra può effettuare una valutazione della capacità di giudizio di vostro figlio o vostra figlia. 

Noi vi raccomandiamo: valutate i rischi e i benefici insieme a vostro figlio o vostra figlia e lasciate che decida liberamente. Date al bambino/alla bambina spazio e tempo per formarsi un’opinione e aiutatelo/a a informarsi sulla vaccinazione.

Link sull’argomento