Inizio della scuola

Perché è importante la scuola dell’infanzia?

L’istruzione obbligatoria inizia con la scuola dell’infanzia. Anche se il bambino o la bambina è parte di un gruppo, viene data molta importanza al sostegno individuale. Il gioco e l’apprendimento sono strettamente legati. Questa panoramica mostra quali compiti svolge la scuola dell’infanzia e come i bambini imparano attraverso il gioco.
Immagine
I bambini della scuola dell’infanzia giocano e giocando imparano.

Questo testo è disponibile anche in lingua facile.

La scuola dell’infanzia è un territorio nuovo e tutto da scoprire, non solo per i bambini, ma anche per i genitori. Non sorprende pertanto che sorgano molte domande: Come farà il bambino o la bambina ad orientarsi? Cosa imparano i bambini alla scuola dell’infanzia? Cosa c’è di diverso rispetto all'asilo nido? Che differenza c’è tra la scuola dell’infanzia e la scuola elementare? Prima dell’inizio della scuola dell’infanzia ogni genitore si chiede se il proprio figlio o la propria figlia riuscirà ad orientarsi nella nuova vita quotidiana e se si troverà a suo agio.

Perché la scuola dell’infanzia è importante

Nella scuola dell’infanzia i bambini imparano ad affermarsi in un gruppo. Devono adattarsi e inserirsi in una nuova comunità. Come parte del tessuto sociale, cominciano ad assumersi delle responsabilità e ad agire in modo indipendente. Ogni bambino è sostenuto in modo individuale e, per quanto possibile, ci cerca di integrare anche i bambini con disabilità. 

I bambini della scuola dell’infanzia devono poter giocare e imparare attraverso il gioco. 

Il punto centrale del lavoro della scuola dell’infanzia è l’insegnamento attraverso il gioco e l’ulteriore sviluppo delle competenze personali, cognitive e sociali. I bambini della scuola dell’infanzia devono poter giocare e imparare attraverso il gioco. Quando disegnano, dipingono, costruiscono e progettano, apprendono abilità e tecniche. Quando ascoltano delle storie, imparano a concentrarsi e a capire meglio le connessioni. Con la ginnastica e i giochi di destrezza invece allenano la loro mobilità. Gli elementi per l’attività fisica sono una parte importante delle lezioni quotidiane. 

Cosa si impara nella scuola dell’infanzia?

I bambini della scuola dell’infanzia imparano a percepire sé stessi in modo più consapevole, ad osservare da vicino, ad ascoltare e a esprimere a parole le emozioni. A contatto con gli altri bambini, imparano ad entrare in empatia, a mostrare rispetto, a giocare e a lavorare insieme. Le regole vanno rispettate e i conflitti risolti. All’interno del gruppo i bambini diventano più indipendenti e sicuri di sé. Sperimentano costantemente cosa vuol dire affrontare il successo e il fallimento. I bambini sono sostenuti nella loro gioia di imparare e nel risolvere i problemi.

Scuola dell’infanzia - prima fase della scuola dell’obbligo

La scuola dell’infanzia è la prima tappa della scuola dell’obbligo e rappresenta, per così dire, il primo distacco «ufficiale» dei bambini dai genitori. In 17 cantoni è obbligatoria la frequenza di due anni di scuola dell’infanzia, mentre in otto cantoni è obbligatorio solo un anno di frequenza. L’iscrizione avviene in base alla data di nascita del bambino o della bambina. Di regola, l’ingresso alla scuola dell’infanzia è prevista al terzo anno di età compiuto.

Immagine
Lettere ai genitori 4-6 anno di vita.

Guida Lettere ai genitori

Questo testo è un estratto dal capitolo «La scuola dell’infanzia – un mondo nuovo» della Lettera ai genitori 25 «La scuola dell’infanzia».

Molti comuni regalano le Lettere ai genitori

In molti comuni e città, chi diventa genitore per la prima volta riceve in regalo un abbonamento alle Lettere ai genitori di Pro Juventute. Alcuni comuni lo regalano per il primo anno di vita del bambino o della bambina. Altri regalano le Lettere ai genitori fino ai sei anni del bambino o della bambina. Verificate se il vostro comune di residenza finanzia le Lettere ai genitori.

Inserite il vostro codice postale e selezionate il vostro luogo di domicilio dall’elenco.

Donare