Sviluppo & salute

Mio/a figlio/a parla di suicidio: cosa devo fare?

Quando i bambini o gli adolescenti parlano di suicidio, questo provoca paura e solleva molte domande. Tuttavia, è importante che i genitori reagiscano con calma. Cosa possono fare i genitori se il loro figlio ha pensieri suicidi e come possono prendersi cura di loro stessi?
Immagine
Selbstmordgedanken-Kinder

A volte i giovani si esprimono in modo radicale: "E' sempre colpa via! Non voglio più vivere!". Questa esclamazione può essere una reazione alla frustrazione e non è sempre un segno di comportamento suicida. Gli adolescenti devono affrontare molte sfide e, soprattutto durante la pubertà, mettono in discussione molte cose.

L'importante in breve

  • Restate calmi e rivolgetevi a vostro figlio, vostra figlia.
  • Prendete sul serio le sue affermazioni in merito al suicidio.
  • Chiedete il supporto da professionisti, specialisti.
  • Create delle situazioni in cui vostro figlio può parlare delle sue preoccupazioni, delle sue paure o della tristezza.
  • Rafforzate il legame con il /la giovane trascorrendo del tempo insieme.

Osservare con attenzione

Se vostro figlio dice ripetutamente cose come: "Sarebbe meglio se non ci fossi più!", "Tanto sono solo un peso per tutti voi!", dovreste prenderlo sul serio e fare un esame più approfondito. Vostro figlio sembra depresso? Si comporta in modo diverso dal solito?

Per alcuni giovani è difficile esprimere i propri pensieri a parole. Tuttavia, possono fornire indizi simbolici. Ad esempio, trattando la morte nei temi, scrivendo poesie tristi o disegnando lapidi. Può darsi che il tema della morte affascini semplicemente i giovani. Ma può anche darsi che vostro figlio abbia bisogno di aiuto.

Segni di allarme di intenzioni suicide acute

Più preciso è l'annuncio del suicidio, più alto è il rischio che i giovani si facciano effettivamente del male. Anche se vostro figlio scrive biglietti d'addio o dà via oggetti molto personali o animali domestici, è consigliabile intervenire.

Se vostro figlio fa dichiarazioni suicide, è bene che lo prendiate sul serio. Ma agite solo quando siete relativamente calmi e tranquilli.

Lo stesso vale se vostro figlio sembra improvvisamente molto sollevato e calmo dopo un lungo periodo di malessere, anche se la situazione di crisi non è migliorata. Questo può indicare che una persona non sta più valutando se vuole porre fine alla propria vita, ma ha già preso la decisione di farlo.

Bisogna prendere sul serio anche i casi in cui i bambini o i giovani collezionano farmaci, si informano sui metodi di suicidio su Internet, si recano in determinati luoghi come un ponte o una linea ferroviaria o hanno piani concreti per uccidersi. Tutto ciò potrebbe servire a preparare un suicidio.

Il tasso di suicidi tra i giovani

Il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani tra i 16 e i 25 anni in Svizzera. In un sondaggio dell'Unicef, un giovane su undici di età compresa tra i 14 e i 19 anni ha dichiarato di aver già tentato di togliersi la vita. Molti di loro soffrivano di disturbi psichici, avevano subito la perdita di una persona cara, violenze o insicurezze relative all'orientamento sessuale.

Cosa fare se vostro figlio o vostra figlia parla di suicidio?

1. Mantenete la calma

Se vostro figlio fa osservazioni sul suicidio, è bene che lo prendiate sul serio. Tuttavia, agite solo quando siete sufficientemente calmi e controllati. Le reazioni di panico rendono difficile la comunicazione o possono addirittura essere controproducenti.

2. Siate presenti per vostro/a figlio/a

Dedicate tempo a votro figlio, anche se in quel momento non ha voglia di parlare. Dedicategli tutta la vostra attenzione. Ditegli che prendete sul serio i suoi problemi e che può parlare con voi di qualsiasi cosa. Dite che credete in una soluzione e che lo aiuterete a trovarla. Questo gli darà speranza. Evitate di rimproverare o colpevolizzare. Vostro figlio ha bisogno di comprensione per i suoi sentimenti e pensieri, non di rimproveri.

3. Parlate con vostro figlio dei pensieri suicidi.

Chiedete specificamente al giovane: "Cosa intendi quando dici che non ce la fai più?". Oppure: "Sono preoccupato per come sei cambiato. A volte pensi di toglierti la vita?". Fare domande come queste non farà venire a nessuno l'idea di tentare il suicidio. Al contrario: poter parlare di questi pensieri è un sollievo. I pensieri suicidi spesso sorgono all'improvviso in situazioni di vita difficili e possono essere spaventosi per chi ne è colpito. Parlandone, il giovane si rende conto di non essere anormale, ma di avere semplicemente bisogno di aiuto, come molti bambini e ragazzi.

4. Dimostrate di prendere sul serio le sue preoccupazioni

Fate domande fino a quando non vi sembra di capire cosa sta provando vostro/a figlio/a. Ad esempio, potete dire: "Come pensi che sia nato questo pensiero?". Ascoltate, anche se la risposta è di sfida o di accusa. Le preoccupazioni degli adolescenti non sono sempre comprensibili per noi adulti. Tuttavia, non cercate di relativizzare o correggere i pareri. Dimostrate a vostro figlio che li prendete sul serio. Per esempio, dicendo: "Non mi ero reso conto che la situazione fosse così grave per te in questo momento. Sei importante per me. Sono qui per te. Troveremo insieme un modo per farti sentire di nuovo meglio". Esprimete la vostra preoccupazione, ma non fate sentire il giovane in colpa né esercitate pressioni su di lui.

5. Cercate aiuto professionale

Se gli adolescenti hanno pensieri suicidi, è importante un accompagnamento professionale. Il pediatra può aiutarvi a trovare uno specialista in psicoterapia e, se necessario, a escludere una carenza vitaminica. In alternativa, potete contattare direttamente il servizio psichiatrico per bambini e adolescenti. Voi e vostro figlio riceverete una consulenza e, se necessario, saranno disponibili servizi terapeutici. Come primo passo, potete anche contattare il servizio di consulenza per genitori di Pro Juventute per discutere come procedere. I bambini e i giovani stessi possono contattare gratuitamente il servizio Consulenza + aiuto 147.

Cosa fare in caso di pericolo grave?

Se vostro figlio o vostra figlia è ad alto rischio di suicidio, dovreste affidarlo a una struttura psichiatrica. Il ricovero può avvenire tramite l'ambulatorio del medico di famiglia, il servizio psichiatrico per bambini e adolescenti o il servizio medico di emergenza. Il ricovero di vostro figlio in un ospedale psichiatrico, magari anche contro la sua volontà, è doloroso e può causare ansia. Ma ricordate: si tratta di superare il periodo di rischio. Soggetti a rischio suicida possono essere stabilizzati bene in un ambiente ospedaliero.

Trascorrete del tempo insieme

Assicuratevi di avere sempre l'opportunità di parlare. Parlate con vostro figlio di emozioni difficili come preoccupazione, tristezza, paura, rabbia, delusione o della vita in generale. Dopo tutto, i pensieri suicidi non scompaiono in un attimo. Spesso sono presenti nella mente delle persone colpite per molto tempo.

È altrettanto importante non solo parlare dei problemi, ma rafforzare il legame con il bambino in generale. Pertanto, create delle isole di tempo in cui non ci sia la pressione di parlare, ma l'opportunità di "stare" semplicemente insieme: fate una passeggiata insieme, lavate i piatti, giocate, andate a fare la spesa insieme, sedetevi a bere una tazza di tè dopo aver guardato la TV.

Pensieri suicidi nei bambini più piccoli

Fortunatamente il suicidio è raro nei bambini prima della pubertà. Tuttavia, i pensieri suicidi possono sorgere già all'età della scuola elementare. Gli adulti dovrebbero prendere sul serio quando i bambini parlano di non voler più vivere. Per i bambini più piccoli, queste affermazioni possono essere un grido di aiuto. Possono essere causate da esperienze traumatiche, da una malattia psichica, da problemi in famiglia o dalla pressione per i risultati scolastici, ad esempio. Uno psicologo o psichiatra pediatrico può aiutare a identificare le cause e consigliare le opzioni di trattamento più adatte.

Prendetevi cura di voi stessi e dei fratelli

Se il proprio figlio parla di suicidio, di solito questo è profondamente sconvolgente per tutta la famiglia e può innescare un senso di impotenza. Prendetevi cura di voi stessi in questa difficile situazione: chiedete sostegno a qualcuno di cui vi fidate. Fate cose che vi fanno bene:  sport, ascoltate musica, cucinate o fate quello che vi piace.

La crisi di un figlio può essere impegnativa anche per i fratelli e le sorelle. Poiché i giovani hanno bisogno di molta attenzione ed energia durante le crisi acute, i fratelli possono sentirsi trascurati. Potrebbero non osare parlare delle loro difficoltà perché non vogliono essere un ulteriore peso. I genitori possono contrastare questa situazione concedendo ai fratelli un tempo esclusivo e incoraggiandoli a parlare dei loro sentimenti e pensieri.

Chiedete aiuto per voi stessi

Non esitate a chiedere aiuto a un professionista se vostro figlio ha intenzioni suicide. Soprattutto se i vostri pensieri sono sempre preoccupati per la situazione di vostro figlio. Oppure se non riuscite più a dormire e vi sentite depressi e senza speranza. Come primo passo, contattate il vostro medico di famiglia o il servizio di consulenza per genitori di Pro Juventute.

È importante sapere che non si è soli. Le crisi fanno parte dello sviluppo della pubertà. I pensieri suicidi sono relativamente comuni tra gli adolescenti. Parlare con altri genitori interessati può essere di supporto. Informatevi sui gruppi di auto-aiuto e sui centri di consulenza per genitori di bambini con problemi di salute mentale.

Ulteriori informazioni sul tema del suicidio